,,

Rivalutazione pensioni 2024 e aumenti in arrivo fino a 130 euro per via dell'inflazione, ma non per tutti

La rivalutazione delle pensioni prevede un aumento fino a 130 euro in più, ma solo a una categoria. Cosa cambia da gennaio 2024

Pubblicato il: - Ultimo aggiornamento:

La rivalutazione delle pensioni prevede aumento dal 2024 fino a 130 euro in più, ora è ufficiale. Il dato era stato anticipato nelle scorse settimane, ma ora arriva la conferma da parte del Ministero dell’Economia e il Ministero del Lavoro. La nota congiunta spiega che l’aumento riconosciuto avverrà secondo le modalità previste dalla normativa e basato sul calcolo della variazione percentuale dei prezzi forniti dall’Istat il 7 novembre 2023. La rivalutazione però sarà piena solo per chi percepisce un assegno fino a quattro volte la pensione minima.

Rivalutazione pensioni +5,4%

Arrivano gli aumenti per le pensioni. Si tratta dell’adeguamento all’inflazione, ovvero la rivalutazione in base ai calcoli dell’Istat. Nel corso del 2024 le pensioni subiranno un aumento dell’assegno mensile, per rispondere all’aumento del costo della vita pari al 5,4%, fino a 130 euro.

L’adeguamento porta con sé gli aumenti per le pensioni fino a 4 volte il minimo. Tradotto: aumenti per le pensioni entro i 2.00 euro circa. Al di sopra della cifra saranno disposti adeguamenti in forma ridotta, come previsto anche dalla precedente legge di Bilancio (i dipendenti pubblici hanno denunciato il taglio delle pensioni).

Giorgetti
 Giancarlo Giorgetti, ministro dell’Economia, annuncia rivalutazione pensioni

Tabella della rivalutazione

La tabella della rivalutazione prevede aumenti del 100% entro un numero di volte il valore della pensione minima. Nello specifico:

  • fino a 4 volte la pensione minima (sotto i 2.102 euro), rivalutazione del 100%;
  • tra 4 e 5 volte la pensione minima (tra i 2.102 e i 2.627 euro), rivalutazione dell’85%;
  • tra 5 e 6 volte la pensione minima (tra i 2.627 e i 3.152 euro), rivalutazione del 53%;
  • tra 6 e 8 volte la pensione minima (tra i 3.152 e i 4.203 euro), rivalutazione del 47%;
  • tra 8 e 10 volte la pensione minima (tra i 4.203 e i 5.254 euro), rivalutazione del 37%;
  • sopra le 10 volte la pensione minima (sopra i 5.254 euro), rivalutazione del 22%.

Il sistema a fasce non è nuovo, ma è stato previsto un ulteriore taglio per i trattamenti pensionistici sopra le 10 volte la minima, che passano così dal 32% al 22% (altri cambiamenti nella Manovra 2024 per le pensioni).

Aumento delle pensioni

A stabilire l’aumento è stato il decreto Anticipi, approvato lo scorso 16 ottobre. Le pensioni di dicembre verranno pagate il 1° dicembre tramite bonifici e prevedono un aumento dello 0,8% per l’inflazione effettiva del 2022. Previsto anche l’arrivo di tutti gli arretrati del 2023, da gennaio fino a novembre e la tredicesima sarà aumentata dello 0,8%.

Sulla tredicesima sarà riconosciuto un bonus di 155 euro per le pensioni più piccole (se si hanno i requisiti specifici), mentre non sono previste le rivalutazioni. Queste vedranno la luce a partire dal 2024.

rivalutazione-pensioni-2024 Fonte foto: 123RF
,,,,,,,,