,,

Trapper Medy Cartier inseguito dalla polizia a Bologna, lui minaccia di pubblicare il video: "Vi umilio"

Il trapper Medy Cartier torna a fare notizia dopo il concerto abusivo: fermato dalla polizia a Bologna, ha minacciato di filmare tutto e umiliarli

Pubblicato il: - Ultimo aggiornamento:

Nuovi guai per il giovane trapper Medy Cartier, già finito sulle pagine della cronaca di spettacolo pochi giorni fa per episodi di violenza ad un concerto abusivo. Questa volta il giovane è stato fermato dalla polizia a Bologna ha minacciato di umiliarli filmando l’accaduto.

Cosa è successo a Bologna tra il trapper e la polizia

Stando a quanto riportato da Ansa e fonti locali, tutto è accaduto nel corso della notte in pieno centro a Bologna, precisamente in via Irnerio. Qui, sarebbero stati scoppiati dei fuochi artificiali in mezzo alla strada, poi un’auto sarebbe partita sfrecciando.

La polizia ha notato il mezzo diretto verso Porta San Donato e l’ha inseguito, costringendolo a fermarsi. A bordo c’era proprio Medy Cartier, nome d’arte del giovane Mehdi El-Marbouh. Il trapper, viene riportato, era in stato confusionale al momento del controllo.

bolognaFonte foto: Tuttocittà.it

La zona di Bologna dove è accaduto tutto

Gli agenti dell’equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine, hanno appurato che il trapper non è in possesso di patente. Lui avrebbe persino negato di essere alla guida del mezzo, nonostante fosse seduto al posto del guidatore e in seguito ha minacciato i poliziotti di filmare tutto.

Adesso vi umilio e vi faccio passare i guai frà” avrebbe detto, stando a quanto riportato dalla Questura. Lunga la lista di violazioni del Codice della Strada: non solo non si è fermato dopo l’uso delle sirene, ma avrebbe anche bruciato un semaforo rosso mettendo a rischio la sua vita e quella di altri.

Chi è Medy Cartier, il giovane rapper che crea scandalo

Il nome di Medy Cartier non è nuovo ai cittadini di Bologna. Nell’ultimo periodo si è parlato molto del trapper classe 2001 originario di San Donato, quartiere nella periferia felsinea. I suoi esordi nel mondo della musica sono recenti: è con il brano ‘Chiamare‘, il primo da solista, che si è fatto notare nel mondo della musica. La canzone racconta della sua esperienza nel carcere minorile.

A questo primo exploit, hanno fatto seguito altri brani e soprattutto collaborazioni. Dopo ‘La Miff’ prodotto con i 2nd Roof, ha pubblicato su Spotify ‘Malasuerte‘. Nel 2022 è arrivato il suo più grande successo sinora, ‘Thickita‘. Del gennaio 2023 il suo primo album ‘Nove Chiamate‘, con Capo Plaza e Villabanks.

Il concerto improvvisato al Gran Reno finito in rissa

Le prime pagine locali di recente le ha conquistate però con un fatto cronaca. La sera del 9 dicembre 2023, ha tenuto un concerto improvvisato al centro commerciale Gran Reno di Casalecchio, vicino Bologna.

Centinaia di ragazzi si sono accalcati per seguire lo show e non sono mancate risse e il bilancio è stato di alcuni feriti e molto caos.  Nella calca iniziano a volare spintoni e insulti, qualcuno ha impugnato bottiglie di vetro o un coltello. Diversi i contusi.

Medy Cartier ha all’attivo una condanna a tre anni e mezzo per una rapina in spiaggia a Riccione, ma stando a quanto riportato dopo l’ultima bravata, a giugno del 2022 il Questore di Bologna aveva già emesso un Avviso Orale perché trovato alla guida senza patente.

trapper-medy-cartier-bologna-polizia Fonte foto: iStock - Instagram
,,,,,,,,