,,

Shevchenko parla prima di Ucraina-Italia, l'ex calciatore è consigliere di Zelensky: "I soldati fanno il tifo"

L'ex calciatore del Milan Andriy Shevchenko, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha parlato dell'imminente partita Ucraina-Italia

Pubblicato il:

L’ex calciatore ucraino Andriy Shevchenko, ora consigliere di Volodymyr Zelensky, ha parlato dell’imminente sfida calcistica tra Italia e Ucraina, in programma stasera e valida per la qualificazione a Euro2024.

Cosa significa Ucraina-Italia per gli ucraini

In un’intervista a ‘La Stampa’, Andriy Shevchenko ha spiegato sulle motivazioni che ci sono dentro Ucraina-Italia: “Sono tante e ovviamente non si possono fermare al pallone. Sarebbe impossibile, anche se poi di questo si tratta di provare a segnare. Chi sta al fronte tifa. È incredibile come il tifo per la propria squadra resista a tutto e anzi si nutra di quello che succede”.

L’ex calciatore del Milan ha poi aggiunto: “In prima linea proveranno sollievo e gioia se l’Ucraina si qualifica, se batte l’Italia, ma comunque vada, la partita sarà uno stimolo, una carica. I giocatori lo sanno bene e ne sono orgogliosi. Vogliono esserci per i nostri soldati“.

ShevchenkoFonte foto: ANSA

L’ex calciatore Andriy Shevchenko.

La previsione di Shevchenko su Ucraina-Italia

Andriy Shevchenko, che dal 2016 al 2021 ha ricoperto l’incarico di commissario tecnico dell’Ucraina, ha parlato della partita anche da un punto di vista tecnico: “Noi siamo in buon momento, abbiamo una formazione giovane, con molto talento. Il cambio del tecnico ha dato ottimi segnali e da quando c’è Rebrov siamo cresciuti. La grinta non mancherà. L’Italia di Spalletti si muove bene in campo e ha imparato a soffrire: contro la Macedonia del Nord gli azzurri sono passati dal 3-0 al 3-2 e non hanno ceduto, sono rientrati in pieno controllo. È prova di carattere e di consapevolezza. Per entrambe le nazionali la posta è alta“.

La guerra in Ucraina secondo Shevchenko

A proposito del suo ruolo di consigliere di Zelensky, Andriy Shevchenko ha detto: “Continuo sulla strada iniziata con United 24, piattaforma che si occupa di raccogliere fondi. Non si tratta solo di essere un ambasciatore nel mondo: veicolo aiuti, sollecito rapporti, organizzo eventi per trovare finanziamenti”.

Poi ha precisato: “Non sono nello staff politico e non vorrei essere dentro il governo. Servo il mio paese in altro modo”.

Sulla guerra tra Russia e Ucraina, l’ex calciatore del Milan ha dichiarato: “La guerra in Medio Oriente ha deviato l’interesse, è normale, io sto qui anche per questo: per ricordare che da noi si spara ogni giorno, la gente muore, nessuno è al sicuro. Abbiamo bisogno di supporto“.

Secondo Shevchenko, che si attiene ai messaggi di Zelensky, la guerra in Ucraina “finisce solo se la Russia lascia ogni territorio occupato. Questa situazione è iniziata nel 2014 e noi vogliamo tornare a come si viveva prima. Il cessate il fuoco, è l’unica possibilità”.

Shevchenko Fonte foto: ANSA

Il benessere della tua mente è importante

,,,,,,,,