,,

Coronavirus, italiana ricoverata a Bari: l'annuncio dei medici

La paziente, una cantante reduce da una tournée in Cina, è risultata positiva per micoplasma

Nuovi aggiornamenti sulle condizioni della paziente italiana ricoverata a Bari in seguito all’allarme coronavirus. La donna, di professione cantante, era tornata da alcuni giorni da una tournée in Cina e, due notti fa, si è presentata al Pronto Soccorso del Policlinico di Bari con febbre e tosse, sintomi simili a quelli legati al virus cinese. I primi esami hanno però escluso il coronavirus cinese e accertato una positività per micoplasma.

Gioacchino Angarano, primario di malattie infettive al Policlinico di Bari, ha annunciato in alcune dichiarazioni riportate da ‘Ansa’: “La terapia potrebbe continuarla per bocca, la paziente sta già abbastanza bene. È sfebbrata, ieri sera aveva 37 di temperature e non ci sono complicanze. Certo, nessuno vieta che abbia due malattie e non una. Se però sarà confermata esclusivamente solo questa infezione da micoplasma, la terapia la può fare a casa e in 48 ore potrebbe essere dimessa“.

Angarano ha poi aggiunto: “La paziente è tranquilla perché è stata tranquillizzata da noi. Ha capito che c’è stata la necessità di attivare l’isolamento e anche in reparto non c’è nessuna preoccupazione“.

Il direttore generale del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore, ha dichiarato: “Le condizioni sono assolutamente stabili e rassicuranti. In questo momento è ancora in isolamento da contatto e respiratorio. La paziente viene curata per quella che è la patologia che ha presentato e ci auguriamo che nei prossimi giorni potremo tranquillamente riportarla a una condizione di normale trattamento”.

Ancora Giovanni Migliore, sulle procedure attuate in seguito all’allarme coronavirus: “La procedura prevede un accertamento che noi abbiamo fatto e poi una conferma diagnostica dall’Istituto Spallanzani di Roma“.

VIRGILIO NOTIZIE | 24-01-2020 11:33

Coronavirus, perché è pericoloso: quello che c'è da sapere Fonte foto: Ansa
Coronavirus, perché è pericoloso: quello che c'è da sapere
,,,,,,,