,,

Covid, in Italia vaccinato meno di un terzo degli over 80

Decessi e ricoveri in aumento: l'ultimo rapporto della fondazione Gimbe registra una situazione critica in 13 regioni

Gli ultimi dati del monitoraggio (24-30 marzo 2021) della Fondazione Gimbe, presieduta da Nino Cartabellotta, non sono positivi. Se infatti si registra una lieve riduzione dei nuovi casi (-5,9%), pesa tantissimo l’aumento dei decessi, così come il peggioramento degli indicatori ospedalieri: sopra la soglia di saturazione 10 regioni per l’area medica e 13 per le terapie intensive, con punte di oltre il 60%.

Covid, decessi e ricoveri in aumento: allarme in 13 regioni

Dal 24 al 30 marzo il numero dei morti è salito vertiginosamente: incremento del 4,2% e quota 3 mila toccata.

La piccola buona notizia è la lieve diminuzione dei nuovi casi: 141.396 contro i 150.181 della settimana precedente. Anche se in 9 regioni il trend è in crescita (soprattutto in quattro: Calabria, Liguria, Sardegna e Valle d’Aosta).

Restano stabili i casi degli attualmente positivi (562.832 contro 560.654) e le persone in isolamento domiciliare (529.885 contro 528.680).

Ma oltre al dato dei decessi, quello che fa paura riguarda i ricoveri: aumentano quelli dei sintomatici nei reparti (29.231 contro 28.428), ma anche nelle terapie intensive (3.716 contro 3.546).

Entrambe le soglie di allerta di occupazione dei posti letto da parte di pazienti Covid in area medica (maggiore del 40%) e in terapia intensiva (maggiore del 30%) sono superate a livello nazionale, attestandosi rispettivamente al 44% e al 41%.

In particolare, l’occupazione di pazienti Covid in terapia intensiva supera il 40% in 6 regioni:

  • Puglia;
  • Friuli-Venezia Giulia;
  • Umbria;
  • Toscana;
  • Molise;
  • Lazio.

Altre tre superano il 50%:

  • Piemonte;
  • Provincia autonoma di Trento;
  • Emilia-Romagna.

Due, invece, superano addirittura il 60%:

  • Lombardia;
  • Marche.

Covid, in Italia vaccinato meno di un terzo degli over 80

Ancora indietro la protezione di anziani e fragili: degli over 80 il 28,3% ha completato il ciclo vaccinale e il 27,4% ha ricevuto solo la prima dose.

Ai nastri di partenza la fascia 7079 anni, nessun dato disponibile sui fragili.

Il ritardo nella protezione dei più anziani emerge anche dal monitoraggio dell’European Centre for Disease Control and Prevention (ECDC): l’Italia è in ritardo rispetto ad altri Paesi europei, in particolare per la fascia 70-79 anni, dove si colloca a fondo classifica.

VirgilioNotizie | 01-04-2021 10:55

Vaccino AstraZeneca: cosa dice il nuovo foglietto illustrativo Fonte foto: ANSA
Vaccino AstraZeneca: cosa dice il nuovo foglietto illustrativo
,,,,,,,