,,

Covid, Massimo Galli vicino alla pensione: l'annuncio in diretta

Massimo Galli, primario di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, ha rivelato in diretta tv quando andrà in pensione

L’Italia ha iniziato ad avere a che fare seriamente col Covid all’inizio del 2020, con il primo lockdown deciso dall’allora presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a marzo. Da allora trasmissioni televisive e giornali hanno ospitato quotidianamente virologi e infettivologi per cercare di capire al massimo la pandemia. Uno dei volti più noti e presenti è quello di Massimo Galli, primario di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, che ai microfoni de ‘L’aria che tira’, in onda su La7, ha annunciato quando andrà in pensione.

Covid, Massimo Galli vicino alla pensione: l’annuncio in diretta

Poco prima di un blocco pubblicitario Myrta Merlino, conduttrice della trasmissione ‘L’aria che tira’ in onda su La7, ha rivolto una domanda a Massimo Galli, infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, circa il suo futuro: “Lei mi ha detto che voleva andare in pensione, l’ho vista in una gran riunione con i suoi collaboratori prima: che succede?

Pronta la risposta di Galli: “Attenzione: non è che io voglio andare in pensione, è che giustamente al compimento del 70° anno uno va a casa, insomma, funziona così secondo la legge italiana”.

“Quindi io vado in pensione ai primi di novembre. Sono gli ultimi 40 giorni in ospedale come primario” ,ha chiosato.

Covid, Massimo Galli vicino alla pensione: i programmi per il futuro

Colta di sorpresa, Myrta Merlino ha poi chiesto a Galli: “Continuo a vederla io, no? Non è che lei si dimette anche da me…”.

Quindi, la risposta finale: “Oddio, non credo che andrò in obsolescenza totale, voglio dire. Farò le mie cose e continuerò a fare ricerca, ho degli obiettivi, ho dei programmi di ricerca che mi piacerebbe sviluppare insieme ai miei comparatori ed amici”.

VirgilioNotizie | 14-09-2021 17:39

Covid, terza dose necessaria? Esperti divisi: chi è a favore e chi no Fonte foto: ANSA
Covid, terza dose necessaria? Esperti divisi: chi è a favore e chi no
,,,,,,,