,,

M5s, Vito Crimi e il suo ruolo dopo Di Maio: il chiarimento

Dopo le dimissioni di Luigi Di Maio "il capo sono io": la rivelazione del nuovo reggente del M5s

Il nuovo reggente del Movimento 5 stelle, Vito Crimi, ha chiarito qual è il suo ruolo all’interno dei Cinquestelle in seguito alle dimissioni del ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera e al Messaggero, come riporta Ansa, Crimi ha esordito specificando che sulla leadership dei Cinquestelle “non ci poniamo il problema dei tempi o dei poteri, ma di guidare il M5S nella riorganizzazione”.

“In ogni caso, da capo politico ho tutti i poteri previsti dallo statuto”, ha dichiarato. “Nessun passacarte, ora il capo sono io“. Crimi ha poi rivelato di sentire una grossa responsabilità: “Ho avuto tantissimi attestati di stima, attivisti e colleghi si sentono rassicurati”.

“Mi dicono che sono la persona giusta per condurre il Movimento in questo momento di crescita, alla luce della mia lunga esperienza”, ha aggiunto. “Ma non farò nessuno strappo, lavorerò in continuità con il percorso che Luigi ha avviato e che io devo portare avanti alla luce delle criticità rilevate”.

In quanto a Beppe Grillo, “è sereno” ha assicurato Crimi, anche se finora ha mantenuto il silenzio. Poi ha ammesso: “Ci sarà una fase nuova che sarà discussa da tutti nelle sedi opportune”.

Parlando degli obiettivi politici, Crimi ha ricordato che il Movimento non è mai stato contro l’Europa: “Con il nuovo governo stiamo contribuendo a migliorarla”. Il rapporto con il premier Conte non è “mai stato conflittuale, ma sempre di leale confronto e collaborazione. E così continuerà ad essere”.

Il nuovo reggente del M5s ha assicurato che ci sarà una fase di lavoro in continuità, “a partire da Autostrade” e si andrà avanti con l’esecutivo anche se Salvini vincesse le Regionali: “Il governo ha un cronoprogramma da definire e attuare, al di là delle tornate elettorali”.

Crimi ha escluso di tornare a governare con Matteo Salvini: “Ha dimostrato di essere inaffidabile e codardo”. Sul “fuoco amico” nel M5s ha specificato: “Chi non rispetta i patti non mi fa paura, mi fa pena”. Fra i possibili avversari politici, ha precisato, non c’è Di Battista: “Alessandro è come un fratello. Non mi pongo alcun dubbio sulla sua lealtà, prima che a me al Movimento”.

VIRGILIO NOTIZIE | 24-01-2020 09:31

Luigi Di Maio si è dimesso da capo politico M5s: le reazioni Fonte foto: Ansa
Luigi Di Maio si è dimesso da capo politico M5s: le reazioni
,,,,,,,