,,

Il killer di Samarate, Alessandro Maja, non può andare in carcere: i suoi avvocati spiegano il motivo

Saltato l'interrogatorio di Alessandro Maja, l'omicida di Samarate accusato di aver ucciso la moglie e la figlia e tentato di uccidere il figlio

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Non si è tenuto l’interrogatorio di garanzia davanti al gip di Alessandro Maja, il 57enne accusato di aver ucciso la moglie Stefania e la figlia Giulia e tentato di uccidere il figlio Nicolò, mercoledì scorso nell’abitazione di famiglia a Samarate, in provincia di Varese. L’appuntamento è saltato, riporta l’Ansa, perché l’uomo è stato nuovamente ricoverato in ospedale a Monza.

Omicidio Samarate, salta l’interrogatorio di Alessandro Maja

Questa mattina era previsto l’interrogatorio di garanzia dinanzi al giudice per le indagini preliminari di Busto Arsizio. L’udienza però non si è tenuta a causa dell’impossibilità dell’indagato a presentarsi e a sostenere l’interrogatorio.

Nella tarda serata di giovedì infatti Maja è stato nuovamente trasferito dal carcere al reparto di psichiatria dell’ospedale di Monza, da dove era stato dimesso nella mattinata.

Quando ci sarà l’interrogatorio di Alessandro Maja

L’interrogatorio di garanzia di Alessandro Maja previsto per venerdì mattina è stato rinviato a quando l’uomo sarà in grado di parlare, non si sa ancora quando si terrà. Il giudice per le indagini preliminari di Busto Arsizio Luisa Bovitutti dovrà attendere le dimissioni dall’ospedale per poter interrogare il 57enne.

Il giudice inoltre si è riservato di decidere riguardo alle richieste della procura per la convalida del fermo e la custodia cautelare in carcere.

Il killer di Samarate, Alessandro Maja, non può andare in carcere: i suoi avvocati spiegano il motivo
 L’abitazione di Samarate dove è avvenuto il massacro

Perché Maja non può andare in carcere: i suoi avvocati spiegano il motivo

Gli avvocati difensori di Alessandro Maja, Enrico Milani e Sabrina Lamera, hanno confermato che il 57enne si trova in ospedale a Monza, nel reparto di psichiatria, e di averne ricevuto comunicazione “ieri sera”.

“Non siamo ancora riusciti a parlargli, non è in condizioni di sostenere una conversazione“, hanno spiegato i due legali.

Secondo i difensori dell’uomo ritenuto responsabile del duplice omicidio di Samarate, Maja non può andare in carcere a causa delle sue condizioni di salute: “I medici hanno fatto sapere che il suo stato di salute è incompatibile per la permanenza in carcere“.

Riguardo all’interrogatorio, i legali del 57enne hanno spiegato che “non appena verrà data comunicazione che Maja potrà sostenere l’interrogatorio, il giudice convocherà l’udienza”.

Samarate Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,