,,

Covid, variante Cerberus dominante in Europa: l'allarme del Centro europeo per il controllo delle malattie

La variante Cerberus sarà la più diffusa in Europa. Fra la metà di novembre e l'inizio di dicembre atteso un aumento dei contagi. L'allarme dell'Ecdc

Pubblicato il:

L’Europa sta già conoscendo una nuova variante Covid: Cerberus è il nome con il quale ne parlano i giornali. Gli scienziati utilizzano invece la sigla Bq.1.

Bq.1 (o Cerberus, che dir si voglia) è già in circolazione in Europa da alcune settimane e presto sarà la variante più diffusa nel Vecchio Continente. Attesa anche la diffusione della sottovariante Bq.1.1.

La capillare diffusione di Cerberus è attesa fra metà novembre e inizio dicembre e questo porterà a una crescita dei casi di Covid-19.

L’allarme arriva dal Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc).

I paesi europei in cui Cerberus è più diffusa

La variante Covid Bq.1 è già presente in Europa e cinque paesi in particolare hanno registrato un picco. Secondo i dati diffusi dall’Ecdc si tratta di Francia (19%), Belgio (9%), Irlanda (7%), Paesi bassi (6%) e Italia (5%).

Covid, sintomi e segnali: come sapere se il coronavirus ci ha colpitiFonte foto: ANSA

Cerberus elude il sistema immunitario

Dagli studi preliminari condotti in Asia pare che Cerberus abbia una certa capacità di eludere la risposta del sistema immunitario.

Si cerca di capire se la nuova variante Covid possa dare luogo a infezioni più serie rispetto alle altre varianti circolanti, ovvero Omicron Ba.4/Ba.5. Al momento gli studi effettuati non hanno prodotto prove al riguardo.

Cerberus non è l’unica variante a eludere il sistema immunitario: il suo comportamento è simile a quello di Chiron, una variante derivata da Centaurus, a sua volta nata da Omicron 2.

Ecdc invita gli Stati europei a vigilare

Il ‘Fatto Quotidiano’ riporta un monito di Andrea Ammon, direttrice dell’Ecdc: “I paesi dovrebbero rimanere vigili per i segnali di emergenza e diffusione di BQ.1 e mantenere test sensibili e rappresentativi”.

“I paesi – continua Andrea Ammon – dovrebbero continuare a monitorare i tassi di casi di Covid-19, in particolare nelle persone di età pari o superiore a 65 anni. Dovrebbero essere monitorati anche indicatori di gravità come ricoveri, ricoveri in unità di terapia intensiva e occupazione e decessi”.

 

covid Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,