,,

Udine, due anziani trovati mummificati in casa: la coppia sarebbe deceduta da mesi

I due coniugi, lei 72 anni, il marito di 66, sarebbero morti nel sonno l'autunno scorso a causa di una fuga di gas

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

I corpi di una coppia di anziani, ormai mummificati, sono stati ritrovati nella loro abitazione di Campoformido, in provincia di Udine. Dalle prime ricostruzioni i due coniugi sono morti da diversi mesi a causa probabilmente di una fuga di gas. Secondo un’analisi preliminare del medico legale il  loro decesso potrebbe risalire allo scorso autunno, ma nessuno tra familiari e conoscenti nel frattempo è andato a cercarli.

Udine, due anziani trovati mummificati in casa: la vicenda

A dare l’allarme è stato un parente che da tempo non riusciva a contattare i coniugi che abitavano nella villetta. L’ultimo contatto con gli anziani risalirebbe a settembre, ma fino ai giorni scorsi il familiare non si sarebbe perché la coppia era solita trascorrere lunghi periodi all’estero.

Sarà necessaria l’autopsia per chiarire le tempistiche esatte e le cause che hanno portato al decesso della coppia, 66 anni lui e 72 la moglie. Al momento, l’ipotesi più accreditata è che a causare la morte dei due anziani sia stata una fuga di gas che li ha ucciso nel sonno. Lo riporta il Corriere della Sera.

Udine, due anziani trovati mummificati in casa: il ritrovamento

Intervenuti sul posto, i vigili del fuoco hanno sfondato la porta trovando la salma della donna a terra in camera da letto e quella dell’uomo in soggiorno, entrambi al primo piano della villetta ormai in stato di abbandono e coperta quasi completamente dalla vegetazione. Nelle stanze della casa è stato trovato accatastato materiale di ogni tipo.

Udine, due anziani trovati mummificati in casa: le indagini

A seguito degli accertamenti medico-legali e investigativi nella tarda serata di ieri, gli inquirenti hanno escluso al momento responsabilità di terzi nel decesso della coppia di anziani.

Riguardo alla vicenda il sindaco di Campoformido, Erika Furlani, si è detta sconcertata: “Generalmente nelle piccole realtà c’è sempre un rapporto di vicinato piuttosto collaborativo. Tra l’altro si tratta di persone nemmeno particolarmente anziane: va detto che questo lungo periodo di emergenza Covid ha indotto tutti a chiudersi molto.

“Sulle cause della morte non mi pronuncio, le indagini sono in corso. Mi sorprende comunque che nessun parente avesse contatti frequenti con la coppia. E che almeno sotto Natale nessuno abbia sentito il bisogno di sapere come stavano” ha dichiarato al Corriere.

vigili-del-fuoco Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,