,,

Rula contro Zaia sul coronavirus, sommersa dagli insulti

Il commento della giornalista non è piaciuto agli utenti di Twitter, che hanno attaccato il suo rapporto con Harvey Weinstein

Non si arrestano le polemiche che hanno seguito le dichiarazioni del governatore veneto Luca Zaia. A finire al centro della bufera questa volta è stata Rula Jebreal, la giornalista di origini palestinesi che ha fatto discutere per la sua partecipazione al Festival di Sanremo 2020. La scrittrice è stata presa di mira per aver risposto alla sfortunata uscita del leghista.

“Solo 116 grazie all’igiene dei veneti. Abbiamo visto cinesi mangiare topi vivi“, aveva dichiarato Luca Zaia.

Nonostante le scuse ufficiali del governatore, la frase non è stata digerita dalla giornalista, che su Twitter ha scritto: “Oggi tanti colleghi Usa mi chiedono se Luca Zaia si rende conto del danno enorme all’immagine e all’economia dell’Italia quando dice che i cinesi mangiano i topi vivi. Questo è l’uomo ritenuto moderato dalla Lega, considerato per il Ministero degli Esteri?”.

Il tweet è stato ricondiviso da più di 1.700 utenti, e ottenuto oltre 2.800 risposte. Tra questi anche insulti sessisti. “Ma fatti i ca**i tuoi e vai fare i massaggi”, si legge sul social. “Ha una specializzazione particolare che tu sappia?”, una delle risposte, a cui segue un “Bisogna chiedere a Harvey Weinstein“.

Tanti i riferimenti al produttore cinematografico americano finito a processo e condannato il 24 febbraio per violenza sessuale e stupro. “Sono gli stessi colleghi che si domandano cosa ci facessi con Weinstein?”, scrive un utente. E ancora: “Cara cavallina, mi dici quanto ti dava Weinstein?”.

“Giù le mani da Luca Zaia e dall’Italia, rinnegata, amica degli stupratori“, risponde ancora qualcuno, citando la presunta amicizia tra Rula Jebreal e il mostro del denunciato dal movimento contro la violenza sulle donne ‘Me Too’. Non mancano però tweet sessisti meno specifici, “Dicono che usi le ginocchiere“, e addirittura riferimenti a rapporti sessuali con il mentore Michele Santoro.

Tanti i difensori di Luca Zaia, che mostrano in video e immagini, già etichettati come fake news, di cinesi intenti a mangiare topi o animali vivi. E ancora leoni da tastiera pronti a criticare Rula Jebreal per il suo monologo contro la violenza sulle donne sul palco dell’Ariston: “Pensavamo che dopo il cachet di Sanremo fossi sparita con il bottino. I veri eroi combattono a casa loro, non a distanza”.

VirgilioNotizie | 03-03-2020 09:51

Chi è la giornalista Rula Jebreal, nella bufera per Sanremo 2020 Fonte foto: Ansa
Chi è la giornalista Rula Jebreal, nella bufera per Sanremo 2020
,,,,,,,