,,

Insulti sui social al padre di Giulia Cecchettin, nel mirino presunti post sessisti: per l'avvocato sono falsi

Il padre di Giulia Cecchettin è bersagliato da insulti sui social per presunti post sessisti: l'avvocato sostiene siano bufale e valuta azioni legali

Pubblicato il:

Gino Cecchettin, padre della 22enne studentessa uccisa a novembre dall’ex fidanzato Filippo Turetta, è in queste ore bersaglio di insulti via social. L’avvocato di famiglia annuncia di essere pronto a passare alle vie legali e dismette come bufale i presunti post sessisti che riguardano il suo assistito.

Perché Gino Cecchettin è insultato via social

Ha l’aria di un attacco mirato quello che sta colpendo Gino Cecchettin, nei giorni successivi al commovente funerale della figlia Giulia, uccisa l’11 novembre scorso. Tutto è partito da un presunto profilo a lui associato su X (ex Twitter), dal nome @ginother.

In questo spazio, sarebbero emersi alcuni post di carattere sessista nei confronti di attrici e personaggi del mondo dello spettacolo. Gli screenshot di questi post sono iniziati a circolare, il profilo è stato chiuso e i commenti stessi non sono più visibili.

famiglia cecchettinFonte foto: ANSA

Gino Cecchettin insieme ai figli Elena e Davide al funerale della figlia e sorella Giulia

L’avvocato che sta assistendo la famiglia, Stefano Tigani dell’associazione Penelope, sostiene siano falsi: “Ho visto anch’io questo video, è una bufala, ma chi l’ha postato si assumerà le proprie responsabilità” ha detto, stando a quanto riportato dal Corriere del Veneto.

Pronti a denunciare chi insulta il padre di Giulia Cecchettin

Lo stesso legale ha poi aggiunto di essere pronto a passare alle vie legali: “Stiamo valutando tutte queste uscite, abbiamo tre mesi di tempo per agire penalmente e siamo pronti a presentare anche cento denunce se necessario”. È una questione di “immagine e onorabilità”, ha aggiunto.

Il presunto scopo di questo attacco mirato sarebbe screditare la figura di Gino Cecchettin, che dopo la morte della figlia per mano dell’ex fidanzato Filippo Turetta ha espresso parole dure contro il patriarcato e il cui discorso al funerale verrà letto nelle scuole, come suggerito dal Ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara.

“Queste persone le puoi colpire solo nel portafoglio, valuteremo se chiedere un risarcimento” ha aggiunto l’avvocato Tigani, aggiungendo anche di sapere che si tratta di una minima parte degli italiani, perché “il resto ha espresso una vicinanza alla famiglia che ci ha colpiti”.

L’avvocato della famiglia Cecchettin contro i leoni da tastiera

Nelle sue dichiarazioni al Corriere del Veneto, l’avvocato ha raccontato di aver ricevuto numerose segnalazione da molti cittadini relative agli insulti social contro Gino Cecchettin, che da parte sua comunica che “ogni attività diffamatoria e denigratoria posta in essere nei confronti propri e della famiglia troverà pronta reazione a termini di legge”.

Nella nota diffusa dal legale, si aggiunge che è “spaventoso dover vedere simili azioni in una tragedia di queste dimensioni e nel dolore che la famiglia sta vivendo”. Due denunce contro più individui sono già state presentate, ma i responsabili sono ancora da identificare perché nascosti da profili social.

“È vero che di pazzi è pieno il mondo, ma questi leoni da tastiera vanno fermati – si legge nella nota – Abbiamo ricevuto davvero tante segnalazioni di post diffamatori, uno dietro l’altro, in una sorta di totale delirio. Io stesso ne ho visti tantissimi: uno diceva perfino che Gino, essendo ingegnere, avrebbe calcolato ogni reazione al dramma per promuovere la sua azienda“.

insulti-social-padre-giulia-cecchettin-post-sessisti Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,