,,

Il raffreddore Long Cold può durare un mese: cos'è, quali sono i sintomi e come curarsi secondo gli esperti

Cosa dicono gli esperti sul Long Cold, raffreddore senza febbre e con sintomi blandi, che però possono durare fino a quattro settimane

Pubblicato il:

Dal Long Covid al Long Cold: l’attenzione degli esperti, in questo inverno, è concentrata sul raffreddore, che può durare anche fino a quattro settimane. Ma quali sono i sintomi e come si cura?

Cos’è il raffreddore Long Cold

Un gruppo di ricerca della Queen Mary University di Londra, di cui fa parte anche l’epidemiologa Giulia Vivaldi, ha condotto uno studio pubblicato su ‘The Lancet’ dimostrando l’esistenza di questo raffreddore che non passa mai, chiamato per l’appunto Long Cold, come sequela diretta o indiretta del Covid-19.

L’epidemiologa Giulia Vivaldi ha spiegato a ‘La Repubblica’ che c’è una “mancanza di consapevolezza o di termini di paragone, che sta impedendo sia la segnalazione che la diagnosi”.

Raffreddore Long ColdFonte foto: iStock - brusinski

Il raffreddore Long Cold può durare anche un mese.

I sintomi del raffreddore Long Cold

Il Long Cold si distingue per l’assenza di febbre e i sintomi blandi che, però, persistono a lungo, anche un mese.

Il professor Roberto Albera, otorinolaringoiatra dell’Università di Torino, ha detto a ‘La Repubblica’: “Il raffreddore comune ha un’incubazione che può durare fino a 4 giorni e non dovrebbe durare più di 2 settimane. Esistono, però, oltre 200 virus che lo causano, il che ci rende tutti soggetti a continue reinfezioni, in particolar modo se si hanno le difese immunitarie basse o conviviamo con dei bambini piccoli che vanno a scuola”.

Ancora Albera: “Abbiamo come la sensazione che non passi mai. In realtà dovrebbe essere evidente una ciclicità dei sintomi, con un netto miglioramento seguito da un peggioramento della congestione, del naso che cola e dei sensi ovattati, dovuti a un minor spazio per il passaggio dell’aria nelle cavità nasali piene di muco”.

Come curare il raffreddore

Il professor Albera ha parlato anche dei farmaci più indicati per curare il raffreddore: “Possono essere utili degli antinfiammatori, così come sono molto efficaci i decongestionanti. Questi ultimi sono spesso criminalizzati per i loro effetti collaterali: è vero che ne possono causare, ma solo in caso di uso prolungato. Ecco perché vengono sconsigliati nelle forme croniche. Per il raffreddore acuto, però, gli spray sono molto validi e possono dare sollievo”.

Ancora Albera: “I lavaggi nasali possono aiutare a ridurre la carica batterica, ma non aiutano con i sintomi. In caso di muco denso, dolore ai seni paranasali, o sintomi continuativi senza alcun tipo di miglioramento che perdurano da più di 2 settimane, è bene rivolgersi al proprio medico per valutare la situazione e iniziare la cura antibiotica in caso d’infezione batterica”.

Raffreddore Long Cold Fonte foto: iStock - D-Keine
,,,,,,,,