,,

I consigli di Matteo Bassetti per gli italiani a letto tra Covid e influenza: "Il peggio deve ancora arrivare"

L'infettivologo Matteo Bassetti ha detto la sua sul nuovo picco di casi di influenza e Covid, consigliando di non eccedere nell'uso dei farmaci

Pubblicato il:

Il direttore della Clinica di malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, Matteo Bassetti, è intervenuto per dare consigli agli italiani bloccati a letto in questo periodo tra nuove forme di Covid e semplice influenza. Secondo le stime, il picco non è stato ancora raggiunto.

Matteo Bassetti consiglia quali farmaci usare

Stando all’infettivologo, uno dei nomi che hanno accompagnato passo passo l’opinione pubblica durante le fasi più intense della pandemia da Covid-19, sono tantissimi gli italiani che durante il Natale sono stati colpiti da malanni.

Che si tratti delle nuove forme di Covid che hanno fatto impennare i casi contagio o di influenza stagionale, secondo lui sono moltissimi coloro che “abusano dei farmaci, non sapendo come trattare sia il Covid che l’influenza si riempiono di ogni tipo di medicina”.

covid italia contagiFonte foto: ANSA

 Secondo gli ultimi dati riportati, i casi di Covid-19 in Italia prima di Natale erano più di 60.000

L’esperto, riporta Adnkronos citando un suo intervento su Facebook, ha consiglia di prendere “antinfiammatori, come l’ibuprofene, l’aspirina, farmaci che vanno bene sia per il Covid che l’influenza”, questo perché “nella gestione dell’infezione respiratoria ‘meno è meglio'”.

L’infettivologo avverte: “Il peggio deve ancora arrivare”

Nel suo messaggio, il direttore della Clinica di malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova è tornato a sottolineare che questo primo periodo di Feste non rappresenta ancora il picco dei casi di contagio da Covid-19. “È atteso tra pochissimi giorni e quindi il numero crescerà ancora” ha detto.

Secondo lo stesso Matteo Bassetti, “il peggio deve ancora arrivare“, tuttavia sottolinea anche che “oggi il Covid non ha più niente a che vedere con la malattia del 2020, è molto simile all’influenza“. Meglio comunque evitare l’abuso di medicine e soprattutto di antibiotici.

“Molti continuano a prenderli a sproposito, sbagliando e facendo male al loro organismo e all’ambiente” ha sottolineato l’infettivologo, che pochi giorni fa ha tracciato l’identikit del paziente Covid e parlato della strategia giusta da adottare contro il Coronavirus, tra vaccino e mascherine.

Come distinguere il nuovo Covid dall’influenza

Benché non sia più una vera e propria emergenza sanitaria, il Covid è ancora tra noi ed è bene mantenere le stesse precauzioni che abbiamo imparato a conoscere in questi anni. È diventato però più difficile distinguere tra Coronavirus e influenza.

I sintomi più comuni del Covid-19 sono febbre (spesso sopra i 37,8 gradi), tosse persistente (di solito secca) e perdita del gusto o dell’olfatto. Questi ultimi due sintomi talvolta si registrano in concomitanza. Il paziente Covid è poi spesso affaticato e ha dolori, mal di gola, mal di testa e respiro corto mentre diarrea e congestione nasale sono più rari.

L’influenza invece può manifestarsi con congestione nasale e mal di gola. Talvolta appare anche la diarrea, con maggiore frequenza nei bambini. Starnuti e respiro corto, in genere, non si manifestano. Nel dubbio, è comunque necessario eseguire un tampone per verificare l’eventuale positività al Coronavirus.

matteo-bassetti-covid-influenza-italia Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,