,,

È Covid, influenza o raffreddore? Sintomi simili per malattie diverse: come distinguerle e cosa fare

I sintomi del Covid sono simili a quelli di influenza e raffreddore, ma non identici: come distinguerli e cosa fare in caso di contagio

Pubblicato il:

I contagi Covid sono in risalita e il picco, come ampiamente previsto dai medici, è arrivato in concomitanza con il periodo natalizio. A complicare le cose ci si mettono i classici malanni di stagione, cioè influenza e raffreddore. I sintomi sono simili, ma non identici.

Sintomi del Covid-19

Covid-19, influenza e raffreddore hanno in comune una cosa: sono tutte e tre malattie delle vie respiratorie causate da virus.

Virus, occorre specificarlo, comunque molto diversi fra loro. A riaccendere l’attenzione sull’argomento è un recente articolo pubblicato sulla stampa inglese, che ha avuto risonanza anche in Italia.

Personale sanitario CovidFonte foto: ANSA

Il Guardian ha pubblicato l’articolo “Coronavirus symptoms: how to tell if you have a common cold, flu or Covid” (Sintomi del Coronavirus: come capire se hai il raffreddore, l’influenza o il Covid).

Il pezzo ribadisce che i sintomi più comuni del Covid-19 sono febbre (spesso sopra i 37,8 gradi), tosse persistente (di solito secca) e perdita del gusto o dell’olfatto. Questi ultimi due sintomi talvolta si registrano in concomitanza.

Il paziente Covid è poi spesso affaticato e ha dolori, mal di gola, mal di testa e respiro corto mentre diarrea e congestione nasale sono meno rari.

Quali sono i sintomi dell’influenza

L’influenza stagionale, come spiega anche l’Istituto Superiore di Sanità, prevede generalmente febbre, tosse secca, dolori, mal di testa e stanchezza.

L’influenza può manifestarsi con congestione nasale e mal di gola. Talvolta appare anche la diarrea, con maggiore frequenza nei bambini. Starnuti e respiro corto, in genere, non si manifestano.

I sintomi del raffreddore

Il comune raffreddore arriva con starnuti, congestione nasale, dolori e mal di gola speso anche in concomitanza con stanchezza generale e leggera tosse.

Raramente il raffreddore è accompagnato da mal di testa, febbre e diarrea.

Come capire se si ha il Covid

Chi sospetti di avere il Covid può eseguire un tampone o un test. Il tampone è acquistabile in farmacia e viene venduto con un kit fai da te.

Ogni confezione contiene istruzioni estremamente semplici da seguire. Ci sono poi alcune farmacie che effettuano tamponi sui pazienti.

Sempre in farmacia è possibile trovare il test antigenico rapido. Il test di maggiore efficacia è comunque quello molecolare da fare presso un laboratorio di analisi cliniche.

Cosa fare se si ha il Covid

I casi di Covid sono in aumento nell’ultimo monitoraggio prima di Natale. Ma oggi, a differenza che in passato, chi ha contratto il Covid non va incontro a restrizioni.

L’obbligo di isolamento è infatti decaduto lo scorso agosto col Decreto Omnibus al quale è seguita una circolare del ministero della Salute.

Ora non si parla più di obbligo, ma di invito: sintomatici e asintomatici non sono più obbligati a chiudersi in casa, ma sono semplicemente invitati a farlo.

Agli infetti viene richiesto di indossare la mascherina FFP2 qualora entrassero in contatto con altre persone.

Il ministero invita poi alla corretta igiene delle mani, a evitare ambienti affollati e non entrare in contatto con persone fragili (anziani, disabili, immunodepressi e donne in gravidanza) e con i luoghi da loro frequentati.

Solo i fragili sono invitati a contattare il medico se i sintomi non si risolvono entro 3 giorni o se vanno peggiorando rapidamente.

I contagiati possono anche recarsi al lavoro, sempre rispettando scrupolosamente le indicazioni ministeriali.

L’aumento dei contagi ha spinto il ministero della Salute a ribadire la necessità di effettuare test su chi entri in ospedali ed Rsa.

TAG:

Sintomi Covid Fonte foto: ANSA

Energia: aiuti di Stato per le aziende

,,,,,,,,