,,

Coronavirus, paradosso: sui social si avverte la paura di uscire

Il paradosso corre in rete con tanta preoccupazione sul ritorno, o quasi, alla vita di tutti

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Siamo sicuri che tutti tutti non vedono l’ora di uscire nuovamente di casa? Se da un lato l’Italia ha voglia di ripartire per rimettere in moto la macchina economica e scacciare la crisi più buia causa coronavirus, c’è anche chi vede la data del 4 maggio con ansia, paura e preoccupazione. Una sorta di paradosso quello del timore di tornare, o almeno avere la possibilità, di uscire. Per tanti motivi. E sui social impazzano hashtag come #lockdownextension che tradotto chiede di prolungare la quarantena e l’isolamento.

Uscire o non uscire, questo è il dilemma. Se lo stanno chiedendo in molti. Come sarà dal 4 maggio in poi? Al di là del ritorno graduale alla normalità, o pseudo tale visto che si dovrà continuare a fare distanziamento sociale usando mascherine e quant’altro, ci sono due fattori che spaventano. Il primo è quello della paura reale di essere più soggetti al contagio prolungando la nostra assenza fuori da quello che, in teoria, ci era descritto come una specie di sicurezza, la nostra casa.

Ma c’è anche il problema stesso insito in quasi due mesi di “clausura” casalinga. L’uomo, per indole, è un abitudinario. Se prima lo eravamo nel muoverci sempre in una vita dissennata e frenetica, tra lavoro, commissioni, palestra, after e tanto altro. Ora il nostro organismo si è abituato a un qualcosa di più sedentario. Che non per questo viene visto come totalmente negativo. Lo stare a casa, specie per chi non ci rimette vagonate di soldi, è una sorta di ritorno nel nido, in una confort zone che abbiamo scoperto o riscoperto.

Per tutti questi motivi, l’idea di tornare, seppur in parte, alla vita di tutti, con l’aggravio delle incertezze che la fase 2, e successive, comporterà, ci crea paura. Anzi, gli psicologi dicono che non di paura si tratta, ma di angoscia. Perchè la paura è un sentimento positivo, che indica la presenza di un pericolo reale; l’angoscia è invece la paura di tutto, il sentirsi completamente minacciati, dappertutto e non solo dalle goccioline invisibili che possono trasportare il Covid-19.

Il timore corre sui social. Forse anche per questo, da giorni, sui social, impazzano hashtag del tipo #iononescopiù#lockdownextension. Per tutti i motivi di cui sopra. “A molti, sta sfuggendo il concetto che dal 4 maggio riparte l’economia e non inizia il Carnevale di Venezia” scrive provocatoriamente qualcuno pensando a chi crede che ci possa essere un “via libera” generale;e ancora “Probabilmente sono pazza ma vorrei un #lockdownextension perchè ogni giorno che mi affaccio dal balcone vedo sempre più gente in giro, anche se non autorizzata, quindi non oso immaginare cosa succederà dal 4 maggio”.

Ma c’è anche chi non vede problemi nel “tornare a vivere” anzi contrattacca: “Per i fans del #lockdownextension ad oltranza: nessuno vi vieta,dopo il 4 maggio, di continuare a stare “a casaaaaaaaaa”. Magari su Wish trovate anche in offerta la camera iperbarica di Mj, state pure a casa”.

TAG:

Coronavirus in Italy Fonte foto: Ansa
,,,,,,,,