,,

Terremoto a Catania, trema ancora la terra in Sicilia: scossa sentita in diverse città

Un'altra scossa di terremoto è stata registrata in Sicilia: la terra è tornata a tremare in provincia di Catania nella giornata di venerdì 18 marzo

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

La terra continua a tremare in Sicilia: una nuova scossa di terremoto è stata segnalata dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) alle ore 14,51 di venerdì 18 marzo in provincia di Catania. Più precisamente, il sisma di magnitudo 3.2 ha avuto come epicentro Regalna, monte Parmentelli, a 18 chilometri a nord ovest di Catania. L’ipocentro è stato localizzato a una profondità di 10 chilometri.

Scossa di terremoto a Catania: la situazione

Stando a quanto riportato dal ‘Corriere del Mezzogiorno’, la scossa di terremoto registrata nei pressi di Catania è stata avvertita nitidamente anche a Nicolosi e Biancavilla, nei paesi di Belpasso, Adrano e Santa Maria di Licodia e a Siracusa.

Prendendo come riferimento la scala Richter, un evento sismico di magnitudo 3.2 è un terremoto classificato come “leggero”, sempre avvertito ma che, almeno teoricamente, non dovrebbe causare danni. Allo stato attuale, non sono stati segnalati danni in seguito alla scossa di terremoto con epicentro Regalna.

Terremoto alle Eolie 17 marzo 2022

La terra era già tremata in Sicilia nella giornata di giovedì 17 marzo: alle ore 11,31, l’Ingv aveva registrato alle Eolie, al largo di Alicudi, una scossa di terremoto più forte, di magnitudo 3.9, con ipocentro localizzato a 9 chilometri di profondità. Anche questa scossa è stata avvertita dagli isolani, usciti dalle proprie abitazioni per la paura, ma fortunatamente non si sono verificati danni agli immobili o ferimenti.

Stando a quanto registrato e riferito dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sempre alle Eolie e sempre nella giornata di giovedì 17 marzo, alle ore 13,25, si è verificata una seconda scossa, di magnitudo più bassa rispetto alla prima, cioè pari a 2.3.

Terremoto alle Eolie: il precedente a fine febbraio

Due scosse di terremoto si erano verificate al largo delle isole Eolie già nella serata del 27 febbraio scorso. In quel caso, la sala operativa dell’Ingv di Roma aveva registrato le due scosse nell’arco di pochi minuti: la prima scossa, di magnitudo 3.2, si era verificata alle ore 21,12 a una profondità di 10 chilometri, mentre la seconda, di magnitudo 2.0, era stata registrata alle ore 21,15 a una profondità di 10 chilometri. In quell’occasione, le scosse non sono state avvertite dagli abitanti e villeggianti e non avevano provocato alcun danno a cose e persone.

,,,,,,,,