,,

Mazara del Vallo, donna picchiata a morte: fermato il marito

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la donna è stata picchiata selvaggiamente per tre giorni di fila

A Mazara del Vallo una donna è morta dopo essere stata picchiata selvaggiamente per tre giorni nell’abitazione in cui viveva con il marito. Secondo quanto riporta l’Ansa, per l’uomo, Vincenzo Frasillo, 53 anni, disoccupato, è stato disposto il fermo per omicidio su cui si attende la convalida del gip.

La vittima si chiamava Rosalia Garofalo, 52 anni. Stando a quanto si apprende, aveva già denunciato in passato maltrattamenti da parte del marito.

A chiamare la polizia sono stati i vicini di casa della coppia, dopo aver udito le urla provenire dalla loro casa. Ma all’arrivo dei soccorsi, la donna era già morta e per lei non c’è stato nulla da fare.

Il sopralluogo della Polizia Scientifica e l’ispezione del cadavere eseguita dal medico legale avrebbero confermato che il 53enne avrebbe più volte picchiato selvaggiamente la donna negli ultimi tre giorni, senza poi prestarle alcuna assistenza.

Nella casa presa in affitto dalla coppia sono state trovate tracce di sangue in cucina, soggiorno e bagno. Il pm titolare dell’inchiesta ha disposto l’autopsia sul corpo della donna.

Frasillo è stato interrogato per tutta la notte in Commissariato, alla presenza del suo difensore, ed è stato poi trasferito nel carcere di Trapani.

Secondo gli investigatori, a scatenare la violenza omicida dell’uomo sarebbe stata l’ossessione di essere tradito dalla moglie. “Mi tradiva con tanti uomini. Io uscivo e loro, nascosti in campagna, entravano in casa. Ma l’ho picchiata solo lunedì”, ha detto, secondo quanto riporta Ansa, Frasillo ai poliziotti.

Secondo quanto accertato dagli inquirenti, la donna è stata picchiata con violenza per tre giorni, fino al decesso; sul suo corpo sono stati individuati segni di percosse. Dalle prime testimonianze, sono emersi diversi episodi di maltrattamenti in seguito ai quali la donna aveva sporto delle denunce, per poi ritirarle.

Sposati da trent’anni, Rosalia e Vincenzo hanno un figlio che vive all’estero. Da alcuni mesi ricevevano il reddito di cittadinanza.

A Brescia c’è stato un altro caso di femminicidio, quello di Francesca Fantoni, del quale è arrivata ieri la confessione.

VIRGILIO NOTIZIE | 30-01-2020 11:02

mazara Fonte foto: Ansa
,,,,,,,