,,

Le Iene contro Burioni, il virologo risponde alle loro domande

Botta e risposta tra Iene e Burioni sulle case farmaceutiche e il presunto conflitto di interessi

Roberto Burioni, il virologo preso di mira dalle Iene per un presunto “conflitto di interessi”, ha risposto oggi punto per punto alle domande poste ieri sera nel corso della trasmissione di Italia 1. In un post su Facebook, Burioni ha tenuto a precisare: “Non produco farmaci, non sono consulente di case farmaceutiche” e questi sarebbero “fatti oggettivi e verificabili”. Poi l’esperto ha puntato il dito contro le Iene: “Mi diffamano e l’incontro che chiedono avverrà in tribunale”.

La prima domanda posta dalle Iene era la seguente: “Ci spiega perché lei non sarebbe in ‘conflitto di interessi’ essendosi presentato per mesi in una tv pubblica come virologo senza palesare il suo rapporto evidente e continuativo con una casa farmaceutica?”.

Questa la risposta del virologo: “Non ho alcun rapporto di consulenza con aziende farmaceutiche, cioè che producono o commercializzano farmaci di ogni tipo, inclusi anticorpi monoclonali”.

In merito alla domanda delle Iene se “gli anticorpi monoclonali che brevetta, vengono o verranno venduti a case farmaceutiche che fanno test per i vaccini”, Burioni ha risposto: “Non ho mai brevettato – ha dichiarato – e non ho alcun interesse in nessun farmaco o potenziale farmaco per questa malattia”.

“In particolare – ha spiegato -, non ho mai ricercato né brevettato anticorpi monoclonali contro il virus che causa Covid-19. Ho brevettato per una azienda della quale sono consulente scientifico (…) anticorpi contro diversi virus, ma nessuno di questi anticorpi può avere una minima utilità per Covid-19″.

Sul rapporto con Pomona Ricerca e Fides Pharma, oggetto di altre domande delle Iene, Burioni ha precisato che il suo rapporto con tali realtà “è quello di consulente scientifico su temi precisi e definiti, tra i quali non rientra Covid-19, come potrò facilmente dimostrare”.

“Pomona Ricerca e Fides Pharma – ha spiegato il virologo – non sono aziende farmaceutiche, nel senso che non sono aziende che producono o vendono farmaci. Sono invece piccole imprese di biotecnologia che tentano, collaborando con ricercatori, di scoprirne di nuovi”.

Il discorso, ha concluso Burioni, “continuerà in tribunale, dove ognuno risponderà del suo comportamento davanti a un giudice. In questo caso vale il detto che ride bene chi ride ultimo – ha messo in chiaro -. E io sono certo che (…) vedremo il singolare spettacolo di iene che non ridono, ma piangono lacrime amare“.

VirgilioNotizie | 24-06-2020 13:32

Chi è Roberto Burioni, virologo e professore tra libri e ricerca Fonte foto: IPA
Chi è Roberto Burioni, virologo e professore tra libri e ricerca
,,,,,,,