,,

Covid-19, Papa incontra camionista di Bergamo: cosa si sono detti

Il Pontefice ha incontrato un camionista di Bergamo che ha perso i genitori per via del coronavirus. L'uomo aveva scritto una lettera al Papa

Ha scritto una lettera al Papa in cui ha raccontato la sua sofferenza per aver perso i genitori per via del coronavirus. Il Pontefice, dopo aver letto la missiva, ha deciso di incontrarlo. Trattasi di un camionista di Bergamo, Carlo Chiodi, che durante i giorni infernali del lockdown non ha nemmeno potuto celebrare i funerali dei propri cari. Papa Francesco, ascoltata la sua storia, lo ha invitato con la famiglia (moglie e due figli) a Roma lo scorso fine settimana, come riporta l’Ansa.

Dopo la messa a Santa Marta, in forma privata, c’è stato un dialogo. Del fatto ne ha parlato lo stesso Pontefice durante l’Angelus quando ha esortato a non dimenticare le vittime del Covid. “Questa stessa mattinata – ha detto – ho sentito la testimonianza di una famiglia che ha perso i nonni. senza poter congedarli. salutarli. in uno stesso giorno”.

“Ricordiamo le famiglie che hanno sofferto per questo”, ha poi aggiunto. A papa Francesco, rende noto l’Eco di Bergamo, Carlo e famiglia hanno regalato la bandiera ‘Noi amiamo Bergamo’, un libro del suo medico di base, con alcune storie di vittime del virus, e una confezione di aceto balsamico fortificato prodotto nel suo paese, Carobbio.

Il Papa “mi ha detto che il pianto e la collera sono umani, che arrabbiarsi è lecito e che rappresenta una forma di preghiera quando si è soli e si prova dolore. Ha continuato dicendo che trattenersi e convincersi di non soffrire non è la soluzione, ci si deve liberare dei pesi che attanagliano il cuore”.

“Ha ammesso di sentire dentro di sé il dolore del mondo e – ha concluso – che prega ogni giorno Dio per comprendere il senso di questa sofferenza. Durante l’udienza tremavamo, siamo rimasti a bocca aperta per l’umanità del Papa”.

VIRGILIO NOTIZIE | 26-08-2020 10:52

Papa Angelus Fonte foto: ANSA
,,,,,,,