,,

Gallera: "O domenica la curva scende o misure più rigide"

Lo ha detto l'assessore lombardo Gallera, secondo cui il 40% delle persone si muove nonostante il lockdown, non necessariamente per lavoro

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

“Domenica o la curva scende o probabilmente bisognerà valutare l’assunzione di misure un po’ più rigide“. Lo ha detto l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera su 7 Gold parlando dell’andamento dei contagi da coronavirus. “Io spero che i sacrifici di molti e l’atteggiamento consapevole dei lombardi possa essere sufficiente”, ha aggiunto.

“I maggiori provider telefonici ci hanno dato quello che danno di solito sui grandi eventi, e cioè gli spostamenti delle persone. Da lì è emerso che il 40% ancora si muove. Sicuramente una fetta lo fa per lavoro ma probabilmente molti altri lo fanno perché forse non c’è stata la massima comprensione di ciò che stiamo vivendo”, ha sottolineato Gallera.

“È veramente un appello forte: la situazione è molto complicata. I nostri ospedali dopo un mese sono ormai allo stremo, ringraziamo infermieri e medici che definire eroi è poco. Stiamo provando a montare ospedali da campo, abbiamo aiuti dal mondo. Stiamo cercando di resistere in tutti i modi ma questo sforzo titanico ha un senso se tutti fanno la loro parte: o la gente capisce che deve stare in casa altrimenti la curva non riusciamo farla scendere e dovremo prendere misure ancora più forti”.

Circa l’affollamento dei mezzi pubblici, Gallera ha detto: “Io penso che da un lato o si cerca di aumentare le corse nelle ore di punta o magari chiudere in altre momenti, o se questo non è possibile il tutto va contingentato, cioè dovrebbe essere consentito di entrare nei vagoni solo a un numero ridotto di persone e gli altri aspetteranno. Non vedo alternative”. “Se non garantiamo la famosa distanza di un metro e mezzo, per qualcuno che deroga rischiamo di vanificare tutto lo straordinario lavoro che la gente sta facendo”, ha aggiunto Gallera, secondo cui “ridurre le corse è un errore”.

“O si riesce ad aumentare il numero delle corse o bisogna fare in modo che dentro i vagoni della metropolitana entrino solo poche persone. Quello che abbiamo visto è incomprensibile e inaccettabile” ha detto Gallera commentando alcuni filmati dei vagoni affollati a Milano. “Il decreto dice che bisogna lavorare per garantire le misure anti-contagio, il distanziamento in primo luogo: questo – ha detto – deve essere garantito anche all’interno dei mezzi di trasporto, così come succede nei supermercati che fanno entrare in modo scaglionato”.

Coronavirus, in Italia aiuti e medici provenienti dalla Cina Fonte foto: ANSA
Coronavirus, in Italia aiuti e medici provenienti dalla Cina
,,,,,,,