,,

Coronavirus, cosa aspettarsi per Natale: risponde l'esperto

Il coronavirus sparirà prima di Natale? La versione dell'infettivologo Roberto Cauda

Con la ripresa delle attività lavorative e il rientro a scuola, molti iniziano già a pensare alle prossime vacanze: quelle natalizie. Così, ci si chiede se il coronavirus ci seguirà fino alla fine dell’anno oppure no. A rispondere ci ha pensato Roberto Cauda, ordinario di Malattie infettive all’Università Cattolica del Sacro Cuore e direttore dell’Unità operativa di Malattie infettive della Fondazione Policlinico Gemelli Irccs di Roma.

Dovremo fare i conti con Covid anche a Natale“, ha detto Cauda senza mezzi termini all’Adnkronos. “Le previsioni – ha spiegato – sono più realistiche se fatte a breve termine, ma temo non ci sarà un vaccino ampiamente disponibile per quel periodo. E questo nonostante la ricerca sia stata molto veloce”.

L’unica speranza a disposizione è “una mutazione del virus in senso favorevole come ad esempio la delezione 382 rilevata dagli studi”. Questa, secondo Cauda, “potrebbe portare a una prevalenza di forme asintomatiche, e potrebbe influire sull’andamento dell’epidemia”.

“Oggi – ha aggiunto l’esperto – stiamo vedendo gli effetti, in termini di nuovi positivi, di ciò che è accaduto 15-20 giorni fa. Dunque se sapremo tracciare e fare tamponi in modo stringente e puntale, e adotteremo comportamenti corretti, potremo essere in grado di gestire il virus“.

“È chiaro – ha concluso Cauda – che non possiamo sperare in una bacchetta magica che faccia sparire il coronavirus in assenza del vaccino. Quello che dobbiamo fare è adottare le misure che sappiamo essere in grado di contrastare la diffusione di Covid-19, convivendo al meglio con il virus. Fino a quando non ci sarà un vaccino”.

VIRGILIO NOTIZIE | 02-09-2020 14:56

Coronavirus: i focolai in Italia. Dove e quanti casi Fonte foto: Ansa
Coronavirus: i focolai in Italia. Dove e quanti casi
,,,,,,,