,,

14enne contraria a Covid e genitori divisi, Tribunale ordina la vaccinazione: "Influenzata dalla madre"

Una 14enne figlia di genitori separati si è dichiarata contraria alla vaccinazione, ma i giudici hanno autorizzato il padre favorevole a decidere

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Da inizio 2021, ossia da quando i vaccini per il Covid sono stati resi disponibili, diversi casi di bambini oggetto di disputa tra genitori sono finiti in tribunale. Ogni volta, la sentenza del giudice serviva per autorizzare un genitore separato a vaccinare il figlio nonostante la contrarietà dell’altro genitore. Questo per tutelare l’interesse del minore che, desideroso di vaccinarsi, rimaneva “ostaggio” dei genitori litiganti.

La sezione Famiglia del Tribunale di Milano si è invece trovata di fronte ad un caso inedito: la figlia 14enne di una coppia separata che dichiara di non volersi vaccinare. Padre favorevole al siero, madre contraria. E così i magistrati hanno dovuto emettere una sentenza che farà discutere.

14enne contraria al vaccino: la situazione dei genitori

I giudici hanno autorizzato il padre a fare vaccinare la figlia nonostante la contrarietà della madre, ritenendo, come riporta il ‘Corriere della Sera’, di non dover “conformarsi alla manifestazione di volontà di non vaccinarsi espressa dalla ragazza”.

Questo in quanto vi hanno colto una troppo “stretta correlazione con la volontà della madre, contraria alla vaccinazione con posizioni aprioristiche”: e così – si legge nel testo della sentenza – la ragazza non avrebbe potuto ricevere “una adeguata informazione” e pertanto non potrebbe “esprimere un consenso/dissenso veramente informato”.

Il Tribunale ha quindi sollecitato il padre “ad assumere, in autonomia e in assenza del consenso materno, ogni decisione relativa alla vaccinazione anti Covid”. Prima dovrà comunque “preoccuparsi di informare la figlia, attraverso personale sanitario specializzato, per tutelare la sua salute” e per tranquillizzarla, ma “senza subordinare la vaccinazione al suo consenso”.

14enne contraria al vaccino: la volontà espressa ai giudici

Nei giorni scorsi la ragazza ha spiegato le proprie ragioni davanti alla presidente Anna Cattaneo e alle giudici Rosa Muscio e Valentina Maderna, dicendo che “sia mamma che papà mi hanno chiesto cosa volessi fare, io ho sentito in tv e visto su internet che è un vaccino nuovo, e che, anche se molto bassa, c’è una possibilità di effetti collaterali”.

La giovane ha così dichiarato di “voler aspettare un po'”, specificando che “non sono stata influenzata dalla mamma nella mia decisione. Non vado in ristoranti o nei luoghi al chiuso dove serva il Green pass. Pertanto non vorrei vaccinarmi per adesso“.

Una presa di posizione chiara, soprattutto se espressa in presenza dell’autorità giudiziaria. Le stesse giudici hanno infatti evidenziato come l’audizione del minore stesso sia fondamentale “per determinare quale sia il suo interesse e raccoglierne le opinioni”, ma hanno anche aggiunto che questo “non determina l’obbligo del giudice di conformarsi alle indicazioni ricevute” poiché è possibile che “la valutazione complessiva del suo superiore interesse” conduca “a discostarsi da esse”.

vaccino Covid minore Fonte foto: EPA
,,,,,,,