,,

Zanicchi, voti ai leader politici poi cala il gelo a Cartabianca

Le temperature polari di questi giorni hanno gelato molte parti d’Italia. Si soffre all’aperto ma anche al chiuso non si è al sicuro specie quando l’inconveniente tecnico è dietro l’angolo. Come è successo ieri a Bianca Berlinguer e i suoi ospiti nella prima puntata dell’anno di Cartabianca. Tra questi c’era una pimpante Iva Zanicchi che non ha lesinato di dare giudizi ai leader politici del momento da Di Maio a Salvini passando per la Meloni senza dimenticare “l’amato” Berlusconi.

“Sto gelando!”. E’ stato più o meno questo il grido d’allarme lanciato da Bianca Berlinguer nel bel mezzo della diretta della sua trasmissione. La giornalista non ha resistito e ha dovuto esternare la sua insofferenza per il freddo che si era venuto a creare in studio a causa di un mal funzionamento del riscaldamento. “Siamo in uno studio ghiacciato, chiedo scusa al nostro pubblico che sta gelando assieme a noi. Purtroppo mi dicono che non si può fare niente, si è rotto qualche cosa e dobbiamo surgelare” ha detto un’esasperata Berlinguer.

A sdrammatizzare, con la sua tipica ironia ci ha pensato Iva Zanicchi: “Sto sempre bene quando vengo qua, sono al caldo, visto che fuori fa un freddo che si gela. Qui a differenza, sto da Dio!”

I voti di Iva alla politica. L’Aquila di Ligonchio è stata protagonista dell’intervista nel consueto angolo riservato a un ospite del mondo dello spettacolo. La Zanicchi, che in passato è stata candidata per Forza Italia, non ha lesinato di dare i suoi giudizi agli attuali leader politici: “Nonostante tutto, forse questo governo ce la farà. Non penso che vogliano mollare. Di Maio con la barba sembra un frate. Mi piace la Meloni, è determinata e competente. Salvini deve stare attento…”.

E su Berlusconi, Iva spende parole d’amore: “Ho amato molto la politica ma non la rifarei, pur avendola fatta con grande convinzione. Ho sempre creduto molto in Berlusconi, l’ho amato. Pensavo che potesse fare molte cose. io gli avevo detto “stia attento!”. Doveva guardarsi le spalle dagli amici”.

Inoltre ha raccontato un aneddoto sul padre: “Sono entrata in politica al 90 per cento per vendicare mio padre. Nel mio paese le donne votavano la DC, gli uomini il PC. Mio padre era innamorato di Saragat, era uno dei pochi socialdemocratici. Un onorevole l’aveva convinto a candidarsi. Il giorno delle elezioni tirò fuori l’abito da sposo e andò a votare, alla fine prese un solo voto, il suo!”

VIRGILIO NOTIZIE | 08-01-2020 10:51

cartabianca-zanicchi Fonte foto: Ansa/Facebook
,,,,,,,