,,

Uccide la figlia di 4 anni e si butta nel pozzo: la ricostruzione

Avrebbe tentato anche di accoltellare il figlio maggiore, ora ricoverato con un trauma cranico

Tragedia a Levane (Arezzo), a opera di un operaio di 39 anni originario del Bangladesh, Bilal Napia, che ha ucciso la figlia di 4 anni nella loro casa. Dopo aver tagliato la gola alla piccola, riporta l’Ansa, l’uomo avrebbe provato a freddare anche il figlio più grande, 12enne, che è riuscito a scappare.

L’uomo ha poi tentato il suicidio buttandosi nel pozzo del giardino della palazzina dove abitano diverse famiglie di connazionali. Lì lo hanno trovato i Carabinieri e i Vigli del Fuoco, senza importanti ferite. Il 39enne finirà in carcere dopo gli opportuni accertamenti in Pronto soccorso all’ospedale Gruccia di Montevarchi.

Il corpo della piccola, nata a Palermo nel 2016, prima del trasferimento della famiglia in Toscana, è stato trovato all’interno dell’abitazione. Il pm ne ha disposto l’esame autoptico.

Il fratello si trova in ospedale con un trauma cranico commotivo, e, secondo la ricostruzione dell’Ansa, sarebbe riuscito a mettersi in salvo entrando nella casa dei vicini. Avrebbe inoltre assistito al delitto, e la sua testimonianza sarà l’elemento decisivo per ricostruire quanto avvenuto.

La madre dei due bambini era uscita a fare la spesa. Quando è stata informata del terribile omicidio, è entrata in stato confusionale.

Uccide la figlia di 4 anni e si butta nel pozzo: il movente

Sul movente della furia omicidia del bengalese stanno indagando ora la Procura e i Carabinieri. Secondo alcuni testimoni, tra cui un amico di famiglia, il 39enne sarebbe stato particolarmente provato dal lockdown, nonostante percepisse la cassa integrazione dalla sua ditta e non avesse perso il lavoro, come riporta l’Ansa.

Il suo nervosismo avrebbe portato la moglie a chiamare un medico nei giorni scorsi, che gli avrebbe prescritto dei calmanti. Il camice bianco potrebbe essere ascoltato dagli inquirenti.

Uccide la figlia di 4 anni e si butta nel pozzo: l’arma del delitto

L’arma del delitto non è stata ancora trovata dagli investigatori. Secondo i Carabinieri potrebbe trovarsi nel fondo del pozzo, molto profondo, che ha una strozzatura alla profondità di 3 metri. La stessa che, bloccandone la caduta, ha salvato la vita al 39enne.

VirgilioNotizie | 21-04-2020 22:00

Uccide la figlia di 4 anni e si butta nel pozzo è ancora vivo Fonte foto: Ansa
,,,,,,,