,,

Poliziotti uccisi a Trieste: parla il fratello dell'aggressore

Anche Carlysle Meran aveva avuto guai con la legge in passato

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Carlysle Stephan Maren, fratello di Alejandro Augusto Maren, ora in carcere con l’accusa di duplice omicidio per i poliziotti uccisi nella sparatoria in Questura a Trieste, ha rilasciato alcune dichiarazioni ad Adnkronos riguardo la sparatoria.

“Mi dispiace tanto, non so cosa dire. Ha fatto un disastro”, ha affermato il 32enne. È stato ascoltato dagli inquirenti come testimone parziale, poiché non era presente alla scena di sangue e non ha alcuna responsabilità nell’omicidio di Pierluigi Rotta e Matteo De Menego. La sua unica colpa sarebbe stata quella di aver denunciato il fratello, con disturbi psichiatrici, alla Polizia.

Nel pomeriggio aveva infatti richiesto l’intervento delle Volanti per il furto dello scooter di un turista, commesso da Alejandro Augusto. Una volta arrivati in Questura, Carlysle è rimasto in un altro locale mentre il fratello 29enne veniva scortato in bagno da Pierluigi Rotta, al quale ha poi sottratto la pistola esplodendo due colpi, colpendo e ferendo mortalmente il poliziotto. Il caso ha scatenato aspre polemiche sul web.

Sulle mani di Carlysle Stephan Meran, inizialmente indicato dalla stampa come complice del delitto, è stato effettuato il test della paraffina, che rileva tracce di polvere da sparo. L’analisi ha appurato che il dominicano non ha impugnato alcuna arma da fuoco durante lo scontro in Questura.

Il 32enne era stato in passato denunciato per il reato di possesso di oggetti atti ad offendere durante un controllo della Polizia. Gli agenti lo avevano trovato una scimitarra. Lui e il fratello si trovano regolarmente in Italia con permessi di soggiorno rilasciati per motivi familiari, uno a tempo determinato e l’altro a tempo indeterminato.

Anche la madre dei due si è espressa sulla vicenda, rilasciando dichiarazioni sull’insabilità mentale del figlio minore. Alejandro Augusto, che prima di arrivare in Italia sarebbe stato in cura da uno psichiatra in Germania, avrebbe sentito delle voci nella sua testa la sera prima della sparatoria, in un attacco di paranoia.

fratello-meran-poliziotti-uccisi Fonte foto: Ansa
,,,,,,,,