,,

Coronavirus, contagi avvenuti quasi tutti in Italia: l'indagine

Secondo i dati raccolti dall'Iss quasi tutti i positivi al coronavirus registrati in Italia sono stati contagiati a livello locale

La trasmissione del coronavirus in tutti i casi registrati in Italia è avvenuta a livello locale, “ad eccezione dei primi tre segnalati dalla Regione Lazio che si sono verosimilmente infettati in Cina”. Lo suggerisce un’indagine epidemiologica condotta dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss), contenuta nell’approfondimento che verrà pubblicato sul sito Epicentro dell’Iss e anticipata dall’Ansa.

Nel documento si legge che “la maggior parte dei casi segnalati in Italia riportano un collegamento epidemiologico con altri casi diagnosticati in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, le zone più colpite dall’epidemia“.

È stata poi segnalata in Lombardia, rileva l’Iss, “una persona di nazionalità iraniana, tuttavia non è stato indicato dove possa essere avvenuto il contagio anche se la persona si è verosimilmente infettata in Iran”.

L’Istituto Superiore di Sanità spiega però che attualmente “non è possibile ricostruire, per tutti i pazienti, la catena di trasmissione dell’infezione”.

“Lo stato clinico è disponibile solo per 2.539 casi, di cui 518 (9,8%) asintomatici, 270 (5,1%) pauci-sintomatici, 1.622 (30,7%) con sintomi per cui non viene specificato il livello di gravità, 1.593 (30,1%) con sintomi lievi, 297 (5,6%) con sintomi severi, 985 (18,6%) critici”.

Il 21% circa dei casi presi in esame risulta ospedalizzato, il 12% in terapia intensiva. L’età mediana è di 69 anni.

“L’indagine – ha sottolineato il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro – rileva una percentuale significativa di casi sotto i 30 anni, un dato che conferma quanto questa fascia di età sia cruciale nella trasmissione del virus“.

VirgilioNotizie | 10-03-2020 22:13

Coronavirus, supermercati presi d'assalto. Le immagini Fonte foto: Ansa
Coronavirus, supermercati presi d'assalto. Le immagini
,,,,,,,