,,

Autocertificazione Fase 2: cosa scrivere se si va dai congiunti

Per motivi di privacy, non sarà necessario indicare nell'autocertificazione le generalità del congiunto a cui si va a far visita

In attesa della partenza della Fase 2 dell’emergenza coronavirus in Italia, ci si continua a interrogare sulla definizione di “congiunti” introdotta dal governo, che ha dato il via libera agli spostamenti per far visita ai propri parenti e affini, come coniugi, conviventi, fidanzati stabili e “affetti stabili“. Ci si domanda, inoltre, cosa bisogna scrivere sull’autocertificazione in caso di spostamento per far visita ai congiunti.

Proprio a tal proposito, il ‘Corriere della Sera’ ha chiarito che, per motivi di privacy, chi va a visitare i congiunti non dovrà indicare le loro generalità sull’autocertificazione e le forze dell’ordine non potranno richiederle.

Il governo non dovrebbe predisporre un nuovo modulo di autocertificazione: basterà, infatti, barrare la voce assistenza ai congiunti (anche se non ci sono motivi di urgenza) sul modulo usato fino a ora.

Maggiore chiarezza sarà fatta dalla direttiva del Viminale, attesa entro il 1° maggio, che spazzerà via i dubbi legati agli spostamenti consentiti e alle modalità di compilazione dell’autocertificazione.

Sul sito del governo, invece, dovrebbero essere pubblicate le Faq (risposte a domande frequenti) sulla Fase 2 dell’emergenza coronavirus in Italia, in cui sarà ribadito il divieto di trasferirsi nelle seconde case, anche se si trovano nella propria regione di residenza.

Stando a quanto si legge sul ‘Corriere della Sera’, inoltre, nel momento in cui si esce per fare una passeggiata o si va a fare sport all’aperto, non c’è bisogno di avere l’autocertificazione.

VirgilioNotizie | 29-04-2020 09:31

Fase 2: il calendario delle riaperture fino al primo giugno Fonte foto: Ansa
Fase 2: il calendario delle riaperture fino al primo giugno
,,,,,,,