,,

Cos'è il batterio killer Chimaera che ha colpito in Veneto

Il batterio killer Chimaera si annida nei macchinari medicali e può uccidere i pazienti più deboli. Ha già colpito in Veneto e in Emilia Romagna

Si annida nei macchinari medicali inquinati, resiste agli antibiotici e può uccidere i pazienti più deboli: si tratta del “Mycobacterium chimaera”. Negli ultimi giorni ha provocato il decesso di sei persone operate al cuore in Veneto e di altre due in Emilia Romagna. Comunemente conosciuto come “batterio killer“, il M. chimaera è un batterio identificato per la prima volta nel 2004, diffuso in natura, presente soprattutto nell’acqua potabile e generalmente non pericoloso per la salute umana. Casi invasivi di M. chimaera sono stati riscontrati in Europa, e non solo, e sono stati associati all`utilizzo di dispositivi di raffreddamento/riscaldamento (Heater-Cooler Devices, HCD) necessari a regolare la temperatura del sangue in circolazione extra corporea durante interventi cardiochirurgici, per lo più per contaminazione dei pazienti tramite aerosol proveniente dall’acqua delle taniche dei dispositivi.  La prima identificazione di un caso di infezione associato a questo tipo di dispositivo risale al 2014, anche se attraverso indagini retrospettive è stato possibile riconoscere anche casi verificatisi precedentemente, a partire dal 2011.

Un periodo di incubazione lungo

Come spiega il Ministero della Salute, “il periodo di incubazione dopo l’esposizione al M. chimaera risulta lungo con una mediana di 17 mesi (range 3-72 mesi). Segni e sintomi sono generalmente aspecifici e comprendono affaticamento, febbre e perdita di peso. Non esiste una terapia stabilita e il tasso di mortalità è circa del 50”.  Finora “sono stati segnalati 100 casi a livello mondiale con una letalità del 50%” riferisce ancora il Ministero. Il rischio di contrarre la malattia è considerato sostanzialmente basso (1 su 10000 pazienti) secondo il Public Health England. È stata costituita una Task Force Europea  al fine di ridurre al massimo i rischi di contaminazione. Sicuramente è necessario che le regioni, che hanno la responsabilità dell`assistenza dei pazienti e a cui abbiamo chiesto, da tempo, i dati su eventuali casi, li condividano quanto prima con il Ministero per metterci nelle condizioni di effettuare un`analisi della situazione nel nostro Paese, valutare e quantificare l`eventuale rischio epidemiologico, elaborare, se opportuno, specifiche raccomandazioni, coinvolgendo gli altri attori istituzionali e non, a tutti i livelli, che abbiano un ruolo”.

L’importanza della prevenzione

“Nel frattempo ribadiamo l`importanza della corretta gestione e bonifica dei dispositivi medici, nonché l`applicazione delle misure, comportamentali e ambientali, per la prevenzione delle infezioni in ambito assistenziale”. Il ministero della Salute ha ricordato inoltre che “la prevenzione e il controllo delle infezioni correlate all’assistenza sono una delle linee operative e priorità del Piano Nazionale di contrasto dell’antimicrobico-resistenza (PNCAR) 2017-2020, su cui sta lavorando uno specifico Gruppo tecnico coordinato dalla Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero e che coinvolge esperti e rappresentanti istituzionali”.

ASKANEWS | 23-11-2018 10:02

Ansa Sala Operatoria
,,,,,,,