,,

Parma, condannato all'ergastolo 19enne che uccise Daniele Tanzi: 33 coltellate al coetaneo per gelosia

L'omicidio nella notte tra il 4 e il 5 maggio del 2021 nell'ex mulino di Vicofertile, a Parma

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Il 19enne Patrick Mallardo è stato condannato all’ergastolo per l’omicidio di Daniele Tanzi, 18enne di Casalmaggiore (Cremona) ucciso a coltellate nella notte tra il 4 e il 5 maggio del 2021, nell’ex mulino di Vicofertile, a Parma. Lì è stato sorpreso nel sonno mentre si trovava con l’ex fidanzata del coetaneo. Lo riporta il Corriere della Sera.

Parma, condannato all’ergastolo 19enne che uccise Daniele Tanzi: la condanna

Quella notte di un anno fa Mallardo aveva raggiunto la coppia nell’edificio abbandonato, riparo per diversi senzatetto ma frequentato anche dai giovani che praticano parkour, zaino in spalla con all’interno un coltello e un cambio di vestiti, elementi che hanno fatto tendere verso la premeditazione del gesto.

Il 19enne si sarebbe avvicinato ai due ragazzi in silenzio, colpendo con il coltello per 33 volte il rivale. L’ex ragazza si svegliò e rimase ferita dall’assalto.

Parma, condannato all’ergastolo 19enne che uccise Daniele Tanzi: la condanna

Il giudice Alessandro Conti ha accolto la richiesta di condanna del pubblico ministero Fabrizio Pensa, che aveva chiesto in Corte d’Assise l’ergastolo, contestando la premeditazione e i futili motivi. Il 19enne è stato riportato in carcere subito dopo la sentenza e oltre all’ergastolo è stato condannato al pagamento delle spese processuali.

I legali difensori Francesco Savastano e Raffaella Santoro, avevano chiesto l’assoluzione o il minimo della pena, avanzando la tesi che il loro assistito non fosse capace di intendere e di volere al momento dei fatti. Versione sostenuta dall’imputato che agli inquirenti ha detto di non ricordare nulla della notte dell’omicidio.

“Abbiamo sentito la sentenza e la teniamo in considerazione. Attendiamo di leggere le motivazioni, ma siamo già orientati verso l’appello. Notiamo che è caduta la premeditazione ma è stata confermata l’aggravante dei futili motivi”, hanno commentato gli avvocati, descrivendo il 19enne come “provato, non ha ancora coscienza di quanto sta accadendo e del peso di una condanna del genere. In corso di procedimento avevamo chiesto una perizia per valutare le condizioni psico-fisiche, elemento un po’ trascurato”.

mulino-omicidio-tanzi Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,