,,

La casa di Totò cade a pezzi nel degrado, social in rivolta

Le foto della casa del grande principe della risata stanno facendo il giro del web

Totò cerca casa. Non è il titolo di uno dei film del grandissimo Principe Antonio de Curtis ma in questo caso è quasi un grido d’allarme che sta montando sui social diventando virale. Perché la casa di Totò, a Napoli, non se la passa bene. E’ in uno stato di totale abbandono e degrado.

L’appartamento in via Santa Maria Antesaecula è la casa natale di Totò nel cuore del rione Sanità a Napoli. Una lapide ricorda che al civico 109 nacque uno dei più grandi geni del cinema e del teatro anche se in realtà Antonio de Curtis nacque in una casa al numero 107. Ma questo conta poco visto che tutto il palazzo è circondato da cassonetti della spazzatura, le facciate sono senza intonaco, le pareti imbrattate, i balconi fatiscenti: un degrado segnalato dai turisti sul web con tanto di scatti.

Qui è dove Totò all’ inizio della sua carriera, si affacciava al balconcino del suo appartamentino, scrutando la mimica dei passanti facendola sua. Solo una targa, posta sul muro all’esterno del palazzo, indica che lì è vissuto Antonio de Curtis, con la madre Anna Clemente.

Un luogo quasi di culto, di devozioni per la gente di Napoli e non solo, per tutti coloro che almeno una volta nella vita si sono fatti grassi risate guardando i film, le scenette e le battute del mito. La casa di Totò apre soltanto il 15 di febbraio e il 15 di aprile di ogni anno, rispettivamente anniversario della nascita e della morte del Principe della risata, ma il palazzo nel quale si trova è sempre visibile e, purtroppo, non possono non notarsi i segni del tempo e dell’incuria.

Le foto del degrado in poche ore sono diventati virali sui social così come i commenti indignati dei napoletani e non solo che se la prendono ovviamente con l’amministrazione comunale della giunta De Magistris: “Vergogna!” scrive lapidario qualcuno; “Povero Totò” ribatte un altro; e poi non si sprecano le citazioni del principe della risata che sapeva scherzare anche sulle disgrazie che capitavano ai personaggi che interpretava: “E io pago!” una delle battute più di Totò che riecheggia sul web.

VIRGILIO NOTIZIE | 20-01-2020 16:12

Totò: l'Italia lo celebra ma sua casa cade a pezzi Fonte foto: Ansa
,,,,,,,