,,

Il 13enne Willis Gibson ha davvero battuto Tetris? A che livello è arrivato e perché si parla di vittoria

In 38 minuti, il 13enne americano Willis Gibson ha “finito” la versione classica del Tetris: è considerato la prima persona a riuscirsi in 34 anni

Pubblicato il:

Neanche 40 minuti per entrare nella leggenda. Ci è riuscito Willis Gibson, un 13enne originario dell’Oklahoma che, si ritiene, sia stato la prima persona a “finire” la versione classica del Tetris, quella per NES. Gibson è la prima persona, a quanto ne sappiamo, ad aver completato tutti i livelli del gioco fin dalla sua pubblicazione.

Willis Gibson, l’adolescente che ha “rotto” Tetris

Lo scorso giovedì 21 dicembre, un adolescente americano di 13 anni, Willis Gibson, si trovava nella sua camera da letto a Stillwater, Oklahoma, seduto davanti la videocamera, intento a portare avanti l’ennesima partita a Tetris.

Come molti altri gamers hanno fatto negli ultimi decenni, Willis Gibson, che online usa il nickname Blue Scuti, stava tentando di avanzare quanto più possibile a Tetris, probabilmente inconsapevole di quanto stesse per accadere.

Gli ultimi secondi della partita con la quale il 13enne Willis Gibson ha “finito” per la prima volta Tetris, in un video condiviso da un utente su X

Giunto infatti al livello 157, con il punteggio ormai già arrivato al limite impostato dal gioco di 999999 punti, una cosa mai vista prima è accaduta: una volta completata l’ennesima linea, il gioco si è come “congelato”, regalando al 13enne una gioia insperata, ovvero la consapevolezza di aver “finito” Tetris.

Breve storia del Tetris

Tetris è un videogioco inventato da Aleksej Leonidovič Pažitnov nel 1984, che si diffuse prima in Russia, su sistemi operativi come MS-DOS e IBM PC, e poi all’estero, grazie a dei programmatori che ne riscrissero il codice adattandolo ai primi computer domestici come il Commodore 64 e l’Amiga.

Ma fu però con l’acquisizione dei diritti da parte della giapponese Nintendo, che pubblicò il gioco nel 1989 sia per Game boy che per NES (Nintendo Entertainment System, una delle prime consolle “moderne”), che Tetris divenne definitivamente un fenomeno di portata mondiale.

Il gioco ha formalmente 29 livelli, superati i quali la velocità raddoppia, segnando la fine della partita per i giocatori “normali”. Nei decenni però molti videogiocatori si sono specializzati, affinando tecniche e strategie per superare sempre più livelli. Nonostante ciò, fino al 2011 nessuno era mai riuscito a superare il livello 29, tanto che molti utenti non avevano neanche idea il gioco continuasse oltre un certo punto.

Il primo a “finire” Tetris

Solo con l’avvento dell’intelligenza artificiale si era potuto spingere ancora il limite del gioco, scoprendo nel 2021 (con una partita non replicabile da un umano) di poter arrivare fino al livello 236. Ma quanto fatto dal 13enne americano suona però ancora più incredibile.

Willis Gibson ha difatti raggiunto quello che viene chiamato kill screen, ovvero un punto in cui il videogioco diventa ingiocabile a causa delle limitazioni nella sua codifica, non essendo stato programmato per arrivare oltre certi livelli.

Un punto che ha scatenato anche discussioni “filosofiche” all’interno della comunità di videogiocatori, tra chi esalta l’impresa di Gibson e chi si rifiuta di considerare un limite nella codifica una vera e propria “fine” del gioco, nel senso classico che viene usato dai videogiocatori.

Ma al di là delle questioni dialettiche, ciò che resta è l’urlo di gioia e l’emozione di un 13enne che si è detto “semplicemente estremamente emozionato” nello scoprire che, a quanto risulta ad oggi, è stato il primo essere umano a portare a termine Tetris.

tetris Fonte foto: iStock / Facebook

Hai bisogno di etichette personalizzate?

,,,,,,,,