,,

Covid, polemiche per il film di Vanzina sul lockdown: la replica

Enrico Vanzina ha risposto alle polemiche nate dopo l'uscita della locandina del suo nuovo film: "Sono fiero, ho lavorato per i cinema sul lastrico"

Il regista Enrico Vanzina ha annunciato qualche giorno fa il titolo del suo prossimo film, ‘Lockdown all’italiana‘. Una scelta che non è piaciuta a tantissimi utenti dei social, che lo hanno immediatamente criticato. Vanzina ha quindi scelto il Corriere della Sera per una replica.

Secondo il regista “chi spara sentenze parla di un film che va nelle sale il 15 ottobre e che nessuno ha ancora visto”. Poi, l’affondo: “Si sta dando la gran cassa a pochi signori codardi dietro profili falsi, mentre il tema vero è il diritto alla commedia, che è sacrosanto”.

Per Vanzina, quindi, le critiche arriverebbero in gran parte da profili falsi, anche perché a dispetto del titolo “si tratta di una commedia sulla convivenza forzata, non di un film con le infermiere scosciate inseguite da erotomani asintomatici“.

Film Vanzina, la risposta del regista a chi lo critica

Le critiche non hanno risparmiato la locandina. E Vanzina difende anche quella scelta: “Martina Stella è in tenuta da ginnastica come tante giovani donne che in quarantena facevano palestra in casa. Ezio Greggio fa smart working in giacca e con sotto i boxer, Paola Minaccioni si agita per paura delle distanze, Ricky Memphis innaffia le piante col sanificatore. Si può dire che la locandina è brutta, ma non che il film non si doveva fare”.

Se fosse vietato ridere sulle tragedie, “non avremmo avuto ‘Il grande dittatore’ di Charlie Chaplin, ‘La grande guerra’ di Mario Monicelli“. E ancora: “Il lockdown ha amplificato certe piccole miserie. Di questo si parla. Ho lavorato e portato un film nei cinema che sono sul lastrico. Ho voluto offrire un messaggio positivo di ripartenza. Girarlo a luglio con le nuove direttive Covid non è stato facilissimo: è un film piccolissimo, però verissimo, come se fosse un grande film, un lavoro del quale vado molto fiero“.

Film Vanzina, di cosa parla ‘Lockdown all’italiana’

Di cosa parli ‘Lockdown all’italiana’ lo spiega lo stesso regista: “L’idea è quella di due coppie che a inizio film scoprono un tradimento, cacciano il partner, ma si ritrovano a doverci convivere per forza. Sono cose successe davvero e sulle quali tanti hanno già ironizzato in abbondanza”.

“Non capisco lo scandalo e lo dico con leggerezza – aggiunge -: io non drammatizzo mai nulla, figuriamoci certe questioni stupidamente ideologiche”.

VIRGILIO NOTIZIE | 20-09-2020 19:34

covid-film-vanzina-lockdown Fonte foto: Ansa
,,,,,,,