,,

Buenos Aires, italiana trovata morta: casa incendiata, era legata mani e piedi

Si chiamava Emilia Carlomagno ed era una pensionata di 77 anni. Una settimana fa uno sconosciuto ha cercato di introdursi in casa uccidendole il cane

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Emilia Carlomagno aveva 77 anni e viveva da sola in una palazzina di San Francisco Solano, una località nei sobborghi di Buenos Aires. È stata trovata morta in circostanze drammatiche, legata mani e piedi sul letto. I soccorritori l’hanno trovata così, mentre la sua casa veniva divorata da un incendio. A dare l’allarme sono stati i vicini di casa, allarmati dalle fiamme.

La donna, una pensionata di origine molisana, per la precisione di Agnone in provincia di Isernia, dal 2005 viveva in Argentina. Emilia era vedova e non aveva figli. A Buenos Aires aveva solo una sorella e una nipote. Qualche altro parente risiede invece in Molise.

Si indaga per omicidio

Le circostanze della morte di Emilia Carlomagno non lasciano dubbi sul fatto che si tratti di un omicidio. Al momento, come riportato da ‘La Repubblica’, gli investigatori che indagano sul caso stanno battendo due piste: quella della rapina degenerata in omicidio e quello della vendetta personale.

Buenos AiresFonte foto: iStock - visualspace
Emilia Carlomagno, 77enne originaria di Agnone (in provincia di Isernia), è morta nella sua abitazione a San Francisco Solano, una località nei sobborghi di Buenos Aires, in Argentina.

Uccisa dal fumo

A detta dei vicini, Emilia non aveva nemici e non era vittima di invidie. Secondo l’autopsia l’anziana sarebbe morta soffocata a causa dei fumi scaturiti dal rogo che ha devastato la sua abitazione. Il corpo è stato ritrovato lo scorso 11 agosto, ma la notizia ha raggiunto solo adesso la sua città d’origine in Molise.

Un precedente inquietante

Il giallo viene infittito da particolari inquietanti avvenuti una settimana prima della morte di Emilia: i vicini hanno riferito di un tentativo di irruzione andato a vuoto da parte di uno sconosciuto, il quale avrebbe anche avvelenato il cane della donna causandone la morte. Proprio questo precedente potrebbe essere la chiave per svelare chi abbia ucciso Emilia Carlomagno.

La porta di casa non recava segni di effrazione. Gli inquirenti stanno analizzando i video delle telecamere di sorveglianza presenti nella zona. Si cerca anche di capire se qualche oggetto sia stato portato via dal luogo del delitto, cosa non facile dal momento che l’abitazione di Emilia è stata distrutta dal fuoco.

Polizia Fonte foto: iStock - Angelo D'Amico
,,,,,,,,