,,

Scomparsa a Crema: nell'auto incendiata le ossa di un cranio

Sono umani i resti trovati nell'auto di Sabrina Beccalli, scomparsa a Crema il 15 agosto, e sono compatibili con ossa del cranio e della dita

Nell’auto data alle fiamme di Sabrina Beccalli, scomparsa a Crema a Ferragosto, sono stati rinvenuti frammenti compatibili con ossa del cranio e della dita. È quanto è emerso dall’ispezione dell’anatomopatologa Cristina Cattaneo che ha analizzato la Panda semidistrutta della 39enne. Le indagini sono state condotte insieme al pm Lisa Saccaro e ai consulenti della difesa con a capo l’ex comandante del Ris, Luciano Garofano. Ne dà notizia l’Ansa.

I tecnici si sono riservati 60 giorni di tempo per risolvere i nodi del caso. Per i Carabinieri la donna è stata uccisa dal 45enne Alessandro Pasini, in carcere a Monza con le accuse di omicidio e soprressione di cadavere.

L’uomo si è sempre difeso. Durante gli interrogatori, riporta l’Ansa, ha sempre sostenuto che Sabrina Beccalli sarebbe morta di overdose, per un cocktail di cocaina ed eroina, nell’appartamento della sua ex compagna. “Preso dal panico”, Alessandro Pasini avrebbe caricato il corpo dell’amica sulla Panda dopo averlo avvolto in una coperta, per poi incendiare l’auto della 39enne.

VIRGILIO NOTIZIE | 15-09-2020 15:01

scomparsa-crema-ossa Fonte foto: Ansa
,,,,,,,