,,

Melito (Napoli), agguato in un ristorante: 57enne ucciso a colpi d'arma, era degli "Scissionisti" di Scampia

Un 57enne è stato ucciso in un ristorante nel Napoletano: la vittima è Vincenzo Nappi, detto "O Pittore", esponente di spicco del clan degli Scissionisti

Pubblicato il:

Agguato in pieno giorno a Melito, in provincia di Napoli, dove un uomo di 57 anni è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco in un ristorante a ora di pranzo. A perdere la vita è stato Vincenzo Nappi, noto come “O Pittore”, esponente di primo piano del gruppo Amato-Pagano, i cosiddetti Scissionisti di Scampia.

Agguato al ristorante, morto 57enne

L’omicidio è stato registrato lunedì 23 gennaio 2023 poco dopo le 13.30 in un ristorante di via Lavinaio a Melito, paese nella provincia di Napoli al confine con il noto quartiere di Scampia. La vittima, Vincenzo Nappi, si trovava all’interno del  “Gaetano e Teresa” per pranzare quando, per motivi non ancora noti, all’interno dell’attività è entrato un killer che ha aperto il fuoco.

Ferito mortalmente, per il 57enne non c’è stato nulla da fare. L’uomo, infatti, è morto sul colpo davanti agli occhi impietriti dei presenti al ristorante. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Marano che ora sono alla ricerca del killer che ha premuto il grilletto.

Al vaglio delle forze dell’ordine le immagini delle telecamere di sorveglianza che potrebbero avere ripreso l’ingresso e la fuga del killer.

Chi era Vincenzo Nappi

Vincenzo Nappi era un volto noto alle forze dell’ordine. Arrestato nel 2011 dopo tre mesi di latitanza, “O Pittore” era riuscito a sfuggire a un blitz dei carabinieri che aveva portato all’arresto di 8 esponenti del clan Amato-Pagano.

Attualmente libero, il 57enne si occupava di estorsioni e affari legati all’edilizia, principalmente per costruzioni di case e villette. Nappi era ritenuto uomo fidato di Mariano Riccio e da anni era tra gli esponenti di spicco degli Scissionisti di Scampia.

Chi sono gli Scissionisti di Scampia

“O Pittore”, come detto, faceva parte degli “Scissionisti”, il gruppo che nel 2004 si era separato dalla famiglia dei Di Lauro ostacolando l’attività di quest’ultima.

Gli Amato-Pagano, questo il nome del clan che è conosciuto anche come “scissionisti di Secondigliano” o “gli spagnoli”, sono noti nella zona del Napoletano e non solo per la loro ingente attività nel traffico internazionale di droga.

Il gruppo, secondo la mappa della malavita della Camorra, ha sotto controllo le zone di Arzano, Melito di Napoli e Mugnano di Napoli, ma è presente anche in Spagna tra la Costa del Sold, la Galicia e Barcellona.

polizia-napoli Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,