,,

Ippolito parla dei sacrifici degli italiani e si commuove in tv

Tutta la commozione del direttore dello Spallanzani in diretta tv ad Agorà su Rai 3: "Non disperdiamo i sacrifici degli italiani"

Scusate se mi emoziono“. Con la voce tremante rotta da un principio di pianto Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto Lazzaro Spallanzani, ha parlato questa mattina nel suo intervento alla trasmissione Agorà su Rai 3 della situazione relativa al coronavirus e ai pericoli, o presunti tali di un nuovo contagio se non si rispettano le regole di distanziamento sociale.

In un momento abbastanza particolare in cui il virus Covid-19 sembra aver perso la sua carica virale e contagiosa, come sottolineato dal dottor Zangrillo in una dichiarazione che sta creando molte polemiche, Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani, ospite del talk del mattino condotto da Serena Bortone, ha voluto dire la sua e non senza emozionarsi: “L’emergenza non è finita, il virus continua a circolare. Il ricordo dei morti deve essere sempre nei nostri cuori. Non disperdiamo i sacrifici di quanti hanno continuato a lavorare in questi mesi, che hanno continuato a vivere nonostante la povertà, che hanno dovuto tenere in 40 metri i propri bambini, di chi non si è goduto le belle case, che erano abituati ad andare nei negozi dove le cose costavano meno. Non usiamo il 2 giugno per fare inutili polemiche. Non ci vuole un piano Marshall. Dobbiamo ricostruire ricordando le bare di Bergamo, la commozione di quei momenti. Dobbiamo essere uniti. Scusi se mi sono emozionato…”.

VirgilioNotizie | 02-06-2020 13:04

Coronavirus in Italy Fonte foto: Ansa
,,,,,,,