,,

Grillo da Fazio a Che Tempo Che Fa: "Ho peggiorato questo Paese. Di Maio ci ha pugnalato, Conte un bell'uomo"

Beppe Grillo, ospitato da Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa, si è raccontato istrionicamente

Pubblicato il:

Beppe Grillo è tornato in tv da dove mancava dal 2014 (l’ultima intervista la concesse a Bruno Vespa). Ha scelto Che Tempo Che Fa, venendo ospitato da Fabio Fazio. Il fondatore del Movimento 5 Stelle, pronti via, ha dato al conduttore una campanella.

“Se vado fuori tono suonala”, ha spiegato, rimarcando di avere un abbassamento, “devo alzare la voce, non è rabbia”. Dopodiché ha avuto inizio l’attesa chiacchierata.

Grillo da Fazio: “Io sono il peggiore”

“Io sono qui per sapere chi sono e cosa pensate di me e chi siete voi – ha esordito -. Io sono il peggiore, sì sono il peggiore. Io ho peggiorato questo Paese, non c’è battuta. Dopo l’ultima intervista con Vespa abbiamo perso elezioni, quelli che ho mandato a fanc*lo sono al governo quindi sono il peggiore”.

Beppe Grillo ospite a Che Tempo Che Fa.Fonte foto: ANSA

E ancora: “Sono qui per capire se devo continuare o meno, ho portato Skype, ho parlato della Parmalat, ho combattuto tutto il mondo ed ora vado in un bar e mi fate pagare il caffè… “.

“Casaleggio organizzatore, io faccio danni”

“Non posso condurre e portare a buon fine – ha aggiunto – un movimento politico, non sono in grado. Ma c’era Casaleggio, lui era un organizzatore e aveva del metodo, io faccio danni anche da solo quando sono a casa”.

“Ho fondato il Movimento ma mi ero iscritto al Pd, ad Arzachena – ha detto ridendo -. Ho una confusione totale, ecco perché mi sono ritirato e a guardare cosa succede, la mia rabbia è una rabbia buona, ce l’ho ancora. Io sono buono dentro e la rabbia buona è necessaria per l’anima”.

L’ironia su Conte e la delusione Di Maio: “Ci ha pugnalato”

Conte non era iscritto al Movimento, è un bell’uomo, un laureato, parla inglese, poi parlava e si capiva poco, perfetto per la politica… ma è migliorato. Conte arrivava dall’università, era avvocato, scrittore. Adesso lo vedete, ci mette un po’ di cuore”. Così Grillo sull’attuale leader del M5s.

E su Di Maio, attuale rappresentante speciale dell’Ue per la regione del Golfo: “Giggino la cartelletta, parlo di Di Maio, era il politico più preparato ma non pensavamo si facesse prendere dal potere di organizzare le persone. L’abbiamo scelto io e lui, Conte. Io guardavo i programmi, le idee, se è di destra o sinistra non importa, se un’idea è buona. Ma poi ci ha pugnalato”.

Infine spazio a un aneddoto particolare: “A Genova io vivevo in un palazzo dove abitava un commerciante, il macellaio, quello del bar e un serial killer, Donato Bilancia. Eh sì, mia mamma era amica della mamma di Donato Bilancia che aveva fatto 17 omicidi”.

“Allora, non c’erano i cellulari e mia mamma mi diceva: “Se torni tardi fatti accompagnare da Donato che sennò non sto tranquilla”, ha concluso  Grillo.

fabio-fazio-beppe-grillo-ctcf-2 Fonte foto: ANSA

La scelta ideale per l'autumobilista

,,,,,,,,