,,

Coronavirus, cosa succederà dopo l'estate: la previsione di Palù

Il presidente dell'Aifa Giorgio Palù ha parlato del prossimo futuro e di come evolverà la pandemia di coronavirus

“Non possiamo dire con certezza cosa succederà a settembre. È possibile che il virus diventi endemico, ma non possiamo sbilanciarci perché è la prima pandemia di questa portata che viviamo”. Lo ha detto Giorgio Palù, presidente dell’Aifa, a SkyTg24 rispondendo a una domanda su quello che potrebbe succedere dopo l’estate.

“È il primo coronavirus pandemico, e quindi abbiamo poca esperienza. Non mi azzardo con le previsioni, quello che però è più logico attendersi – ha affermato – è che questo virus diventi endemico“.

“Come è avvenuto per altri coronavirus che sono passati dall’animale all’uomo o per i virus dell’influenza – ha spiegato – noi dovremo convivere con questo virus“.

“Stiamo osservando come la diffusione del virus sia sincrona nel nostro pianeta e non tutti sono protetti. Dovremo quindi pensare a vaccinare i paesi più poveri, si sta lavorando a questo con il programma Covax”.

“Tutto dipenderà dagli spostamenti e da quanto anche gli altri paesi e popolazioni si vaccineranno. Ma sappiamo già dagli anni ’90 che i coronavirus danno un’immunità abbastanza duratura e anche una crosreattività fra il genere Beta. Credo che prima o dopo l’umanità si adatterà, come si è adattata a tutte le pandemie”.

Variante Delta e terza dose del vaccino, parla Palù

Il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco e membro del Comitato tecnico scientifico ha poi rassicurato sulla pericolosità della variante Delta del coronavirus, che nel Regno Unito ha provocato una nuova impennata dei contagi.

“La parola ‘variante’ evoca un senso di pericolo, ma dobbiamo ricordare – ha detto – che è una delle funzioni normali dei virus. Quello che sappiamo è che anche queste varianti vengono tenute sotto controllo dagli anticorpi del vaccino“.

Sull’eventualità di dover fare una terza dose del vaccino anti Covid nel prossimo inverno, Palù ha detto che è ancora presto per esprimersi e che ci sono studi in corso. Ma, ha aggiunto, “sembra che gli anticorpi abbiano una durata più lunga di quella che si pensava, di almeno 11-12 mesi”.

Riguardo all’obbligo di indossare la mascherina all’aperto, il presidente dell’Aifa ha detto che “è auspicabile che da luglio se ne potrà fare a meno, ma la discussione non è in programma oggi”.

VirgilioNotizie | 18-06-2021 11:54

Nuovi colori delle regioni dal 28 giugno: cosa cambia Fonte foto: ANSA
Nuovi colori delle regioni dal 28 giugno: cosa cambia
,,,,,,,