,,

Variante Delta, allarme di Ricciardi: "Buca la doppia dose di vaccino"

Walter Ricciardi ha detto che la variante Delta può bucare la doppia dose di vaccino. Ma fanno paura anche altre mutazioni: Delta Plus e Lambda

Walter Ricciardi, ordinario di Igiene generale e applicata all’Università Cattolica e consigliere scientifico del ministro della Salute Roberto Speranza, è intervenuto in qualità di ospite durante la trasmissione Agorà, in onda su Rai 3. Ha parlato dell’opportunità del green pass ‘alla francese’, di scuola, ma anche e soprattutto delle varianti che lo spaventano di più. Non solo la Delta.

Variante Delta, allarme di Ricciardi: “Buca la doppia dose di vaccino”

Secondo Ricciardi “dobbiamo accelerare la vaccinazione, dobbiamo vaccinare tutti i soggetti al di sopra dei 12 anni, in attesa che le prove sperimentali ci confermino anche la possibilità di vaccinare i bambini“.

Questo perché se “la variante di Wuhan aveva un indice medio di riproduzione di circa 3, la variante Delta ha un indice di 7: significa che, mediamente, un soggetto può contagiarne altri 7“.

Come uscirne? “L’unica possibilità che noi abbiamo per fronteggiare questa variante contagiosissima – ha risposto – è vaccinare anche i bambini e raggiungere una protezione del 90%-95%: è solo con queste proporzioni che potremo avere un’immunità di popolazione”.

La variante Delta “buca persino il doppio ciclo, nel senso che conferisce una certa protezione contro la malattia grave e l’ospedalizzazione, ma purtroppo nel 30%-35% dei casi determina infezione persino nei soggetti che hanno doppia vaccinazione, quindi figuriamoci una sola”, ha sottolineato.

“Il vantaggio è che vaccinandoti – ha spiegato – non hai condizioni critiche. Ma l’infezione è possibile: bisogna quindi fare test e tracciamento. La necessità di queste misure deriva dal fatto che più esitiamo, più lasciamo la possibilità al virus di selezionare varianti che bucano il vaccino non solo per l’infezione, ma anche per la protezione”.

Green pass alla francese, il parere di Ricciardi

Per arginare la variante Delta senza ricorrere al lockdown, la soluzione dettata da Emmanuel Macron relativamente a una stretta sul green pass europeo è quella giusta, secondo Ricciardi: “Quella della Francia è la strategia adeguata“.

Il green passitaliano‘, attivo 15 giorni dopo la prima dose, “andrebbe messo in archivio, può essere esclusivamente solo dopo le due dosi. So che il governo sta andando in quella direzione”.

Quindi, la ricetta di Ricciardi è semplice. “Vaccinare e limitare la mobilità dei soggetti non protetti con il green pass. Ora stiamo preparando l’autunno: se facciamo vaccinare il virus in maniera incontrollata torneranno a salire le ospedalizzazioni come in Gran Bretagna. La variante Delta che buca il vaccino è un problema anche per gli operatori sanitari immunizzati, che non possono andare a lavorare e quindi non possono assistere i malati”.

Variante Delta, ma non solo: quelle che preoccupano Ricciardi

“Noi dobbiamo decidere in base alle varianti – ha proseguito Ricciardi – e in questo momento guardiamo con grande cautela Delta Plus in India e Lambda, isolata in Perù“.

Secondo l’esperto dobbiamo vaccinare tutti, accelerando in tutto il pianeta: “In Europa abbiamo vaccinato il 50%, ma le varianti emergono in tutto il mondo: in Africa abbiamo vaccinato l’1% della popolazione, in Asia il 3%. Significa che ci sono centinaia di milioni di persone” che il virus può usare per mutare.

Scuola, Ricciardi contro i professori No Vax: “Non possono stare in classe”

In vista dell’autunno, Ricciardi ha detto la sua anche sul ruolo dei professori: “Dobbiamo agire con i fatti: evitare gli errori dell’anno scorso e non mi pare che stia succedendo. Dobbiamo rafforzare i trasporti, mettere in sicurezza le aule, vaccinare gli insegnanti e il personale scolastico. Se ci sono persone che non si vogliono vaccinare e lavorano con gli under 12 vanno spostati a fare altri lavori, in segreteria o in biblioteca”.

VirgilioNotizie | 15-07-2021 10:26

Covid, quali sono le varianti che preoccupano di più Fonte foto: ANSA
Covid, quali sono le varianti che preoccupano di più
,,,,,,,