,,

Vaccino Covid, Remuzzi: "Non estinguerà il virus". Cosa cambierà

Il professor Giuseppe Remuzzi ha fatto chiarezza sull'arrivo del vaccino anti Covid e sulle sue conseguenze

Nonostante le notizie positive sul fronte vaccino anti Covid arrivate dalla Pfizer in questi giorni, il professor Giuseppe Remuzzi placa gli entusiasmi. Nel corso di un’intervista al ‘Corriere della Sera’ ha spiegato: “È meglio dirlo con chiarezza: tutti i vaccini in dirittura d’arrivo, a cominciare da quello della Pfizer, non sopprimeranno il coronavirus. Per capirci, saranno più simili ai vaccini antiinfluenzali che a quello della Polio. Ci proteggeranno dalla malattia, ma non la faranno sparire“.

Ancora Giuseppe Remuzzi: “Si può dire con ragionevole certezza che questi vaccini garantiranno un’immunizzazione di massa e che, nel giro di qualche anno, la maggior parte degli abitanti nel mondo avrà la sua dose”.

Secondo il professore, avere più vaccini a disposizione “ci aiuterà ad avvicinarci all’obiettivo di coprire l’intero pianeta e, intanto, permetterà agli scienziati di perfezionarli in corso d’opera”.

L’esperto ha poi spiegato: “Sarà immunizzata gran parte della popolazione solo a condizione che vengano mantenute le attuali misure di attenzione. Mascherina, distanziamento sociale, lavaggio continuo delle mani. Al momento, nessun vaccino riuscirà da solo a estinguere la pandemia“.

Sui tempi, Giuseppe Remuzzi ha detto: “Il vaccino, le misure affidate alla nostra responsabilità e il tempo. L’effetto combinato di queste tre azioni farà diventare il coronavirus come un raffreddore. Un lavoro di ‘Nature’ prevede che sarà per il 2024. Attenzione, meglio non illudersi. Ci sono troppe variabili”.

Secondo il professor Remuzzi “oggi il nostro vaccino è la mascherina. Quando arriverà un vaccino vero, saremo ancora più forti. Adesso più che mai è importante non abbandonare le precauzioni. Se impedisci la trasmissione del virus, come farà anche il vaccino, riduci l’esposizione di tutta popolazione al virus. E lo neutralizzi, in attesa della sua scomparsa”.

Quanto durerà il vaccino? A questa domanda, il professor Giuseppe Remuzzi ha risposto così: “Si parla di 6-8 mesi. Dovremo sottoporci alla vaccinazione ogni anno, come per l’influenza. Non sappiamo se servirà una sola dose. Più probabile che siano due. Gli studi attuali dicono che sarà difficile contrarre una seconda volta il virus. Questo ci conforta. Senza contare, poi, che, se funzionerà su un numero importante di persone, l’immunità sarà ancora più durevole”.

VIRGILIO NOTIZIE | 11-11-2020 09:13

Vaccino Pfizer-Biontech, come funziona e perché è rivoluzionario Fonte foto: Ansa
Vaccino Pfizer-Biontech, come funziona e perché è rivoluzionario
,,,,,,,