,,

Natale con 800 mila casi tra Covid e influenza secondo Pregliasco: "Evitare baci-abbracci con fragili-anziani"

Covid e influenza in Italia, i consigli del prof Pregliasco su come evitare i contagi durante il periodo di Natale

Pubblicato il:

Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università Statale di Milan, mette in guardia i cittadini sull’evoluzione del Covid in Italia in vista del periodo di Natale e alla luce dell’aumento dei contagi.

Pregliasco invita alla prudenza

“Nella settimana di Natale potremmo arrivare a 800mila casi tra influenza vera e propria, virus respiratorio sinciziale (Rsv), metapneumovirus e anche un po’ di Covid”, sul quale “è difficile fare stime perché i dati sono sempre sottostimati”. Così Pregliasco in una intervista concessa all’AdnKronos.

Per quel che riguarda “la settimana clou”, quella appunto che culmina nel giorno di Natale, il professore prevede un buon numero di italiani costretti a stare a letto a causa delle “sindromi con febbre sopra i 38 gradi” e almeno “un sintomo respiratorio più un sintomo generale”.

Fabrizio Pregliasco Covid Italia Natale contagi.Fonte foto: ANSA

Secondo Pregliasco “è giusto, se ci sono persone fragili e molto anziane”, seguire i consigli dati da Filippo Anelli. Il presidente degli Ordini dei medici ha invitato alla prudenza.

“Vista l’aumentata circolazione del Covid e dell’influenza – ha detto Anelli -, serve tornare alla prudenza” ed è “meglio evitare gli auguri con baci e abbracci”. Inoltre ha suggerito di “mantenere un po’ di distanza fisica”.

Il virologo: “Prevalga il buon senso”

Pregliasco avalla quanto dichiarato dal numero uno della Fnomceo, dicendo che deve prevalere il “buon senso, come sempre”.

Per le situazioni delle persone fragili e anziane, il virologo ha spiegato che, in caso di sintomi sospetti, “il tampone è necessario, in modo da orientare le cure, permettendo la somministrazione tempestiva dell’antivirale nei casi che lo necessitano”.

Tamponi per persone fragili, per gli altri automedicazione responsabile”

“Per tutti gli altri, indipendentemente da quale sia la causa dell’infezione respiratoria”, l’indicazione dell’esperto è “automedicazione responsabile. Utilizzare i farmaci da banco specifici per attenuare i sintomi senza azzerarli, monitorando l’andamento della malattia e consultando il medico dopo i classici 3-4 giorni”.

E le mascherine? “In termini di obbligo indicazioni in materia sarebbero sicuramente poco accettabili e poco gradite, visto il clima di mancato rischio percepito”, ha concluso Pregliasco.

fabrizio-pregliasco-covid-italia-natale-contagi Fonte foto: ANSA

Energia: aiuti di Stato per le aziende

,,,,,,,,