,,

Coronavirus, al via al San Raffaele maxi studio sui pazienti

La raccolta dei dati sui malati con coronavirus potrebbe fornire risposte sull'efficacia dei farmaci nei vari casi

È stato avviato all’Ospedale San Raffaele di Milano un maxi studio clinico sulle diverse centinaia di malati con COVID-19 già in cura presso la struttura e su tutti quelli che verranno ricoverati d’ora in avanti. La ricerca, spiega in una nota l’ospedale, permetterà di raccogliere in modo sistematico informazioni sia cliniche che biologiche e di ottenere quindi un set di dati affidabili sull’efficacia dei farmaci oggi somministrati negli ospedali italiani ai malati con coronavirus.

Lo studio è coordinato dai professori Alberto Zangrillo, direttore delle Unità di Anestesia e Rianimazione Generale e Cardio-Toraco-Vascolare, e da Giovanni Landoni, direttore del Centro di Ricerca in Anestesia e Terapia Intensiva all’interno della stessa Unità.

All’interno dello studio, prosegue la nota, ogni paziente segue lo stesso iter terapeutico, nonostante possa essere preso in carico da oltre 7 reparti diversi.

Si inizia con il prelievo di diversi campioni biologici – tra cui sangue, plasma, urine e tamponi virali. Le informazioni che emergono dai campioni vengono poi incrociati con i protocolli di trattamento e i dati clinici che vengono raccolti dai pazienti lungo l’intero periodo di degenza.

L’obiettivo è quello di riuscire a capire meglio cosa accomuna i malati più gravi, quali sono gli indicatori che permettono di prevedere il decorso della malattia e quali sono i farmaci che funzionano meglio nei diversi casi.

“Solo mediante studi di elevata qualità, condotti su numeri adeguati di pazienti, potremo dare risposte scientificamente valide a quel bisogno di una cura che la comunità medica italiana ed internazionale sta cercando”, ha spiegato il professor Fabio Ciceri, vice direttore scientifico per la ricerca clinica dell’Ospedale San Raffaele e primario dell’unità di Ematologia e Trapianto di Midollo.

“Al contrario – prosegue -, dichiarazioni estemporanee, basate sul trattamento di pochi pazienti in un contesto d’emergenza, rischiano solo di confondere il pubblico e la classe medica. Questo è ancora più vero per una malattia che mostra una così grande grande variabilità clinica come COVID-19“.

VIRGILIO NOTIZIE | 26-03-2020 15:30

Coronavirus, regole igieniche e sanitarie per evitare il contagio Fonte foto: Ansa
Coronavirus, regole igieniche e sanitarie per evitare il contagio
,,,,,,,