,,

Stop anticipato a Fazio, confronto tra i vertici Rai

L'ad Fabrizio Salini ha chiesto una relazione alla direttrice di Rai1 Teresa De Santis sullo stop anticipato di "Che tempo che fa"

Lunedì c’è stato un accceso confronto, secondo quanto riferisce l’Ansa citando proprie fonti, tra l’amministratore delegato della RAI Fabrizio Salini e la direttrice di Rai1 Teresa De Santis sulla decisione di cancellare tre puntate di “Che fuori tempo che fa” di Fabio Fazio. Domenica sera l’ad aveva chiesto ai diretti responsabili una relazione sul caso.

Riporta la Stampa che nell’incontro di lunedì De Santis, convocata assieme a Marcello Ciannamea, direttore del coordinamento editoriale e palinsesti tv, avrebbe ribadito e difeso la sua posizione: le due date di maggio, 20 e 27, spettano a Bruno Vespa per due serate dedicate alle elezioni europee, mentre quella del 3 giugno non è mai stata affidata a Fazio. Risposta che non avrebbe convinto Salini che, secondo quanto riporta l’Ansa, avrebbe espresso riserve su questa e su altre scelte della direttrice di Rai1, come quelle sui palinsesti estivi che saranno presentati in settimana.

Nell’incontro si sarebbe parlato anche dello slittamento delle nomine dei vicedirettori di rete che De Santis vorrebbe decidere rapidamente e in autonomia. L’ad avrebbe fatto presente che ci sono per il momento dei vicedirettori perfettamente operativi che andrebbero coinvolti nelle scelte. Salini farà le sue valutazioni nella giornata di martedì.

Intanto il programma condotto da Fabio Fazio è stato il più visto della prima serata di domenica con 3 milioni e 595 mila spettatori, pari al 15.03% di share, e il più commentato su Twitter dell’intera giornata.

Sul caso è intervenuto anche il sindacato dei giornalisti Rai: “Missione compiuta. La versione del lunedì del programma di Fabio Fazio chiude in anticipo. Chi ha eseguito l’ordine di Matteo Salvini e di Marcello Foa? Perché è fin troppo chiaro che la pausa per le elezioni europee è solo una scusa, visto che – nel caso – si sovrappone a 1 sola delle 3 puntate ancora previste”.

“Se è vero che l’ad Fabrizio Salini non sapeva nulla – si legge nella nota dell’Usigrai – è evidente che ci sono ormai 2 aziende: una che risponde agli organigrammi ufficiali, e un’altra parallela che agisce come gruppo autonomo e in coordinamento con ordini che arrivano dall’esterno dell’azienda. È una situazione non più accettabile. Urgente un chiarimento in cda e in commissione parlamentare di Vigilanza”.

VirgilioNotizie | 14-05-2019 08:19

fazio Fonte foto: Ansa
,,,,,,,