,,

Rho (Milano), zio e nipote morti per il monossido di carbonio: avevano acceso un braciere in casa

Tragedi a Rho, dove uno zio e suo nipote sono stati trovati morti in casa a causa di una esalazione da monossido di carbonio: la ricostruzione

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Dramma per una famiglia in provincia di Milano. zio e nipote sono rimasti vittime di esalazioni di monossido mentre si trovavano in un appartamento. A lanciare l’allarme un parente che non riusciva a contattarli. Nello stesso paese in Lombardia, solo poche ore prima si è sfiorata un’altra tragedia simile.

Zio e nipote trovati morti in casa

La cronaca locale riferisce che tutto è accaduto a Rho, comune di circa 50.000 abitanti della città metropolitana di Milano. La scorsa notte due persone di origini egiziane di 43 e 17 anni hanno perso la vita in quello che viene per ora considerato un incidente domestico.

I due si trovavano in una unità immobiliare in ristrutturazione: stando a quanto riferito da TgCom24 non stavano lavorando ma avrebbero ricevuto disponibilità a fermarsi lì per la notte.

Rho esalazioni carbonioFonte foto: ANSA
L’esterno dell’appartamento dove è avvenuta la tragedia

Probabilmente per scaldarsi, la coppia zio e nipote avrebbe accesso un braciere in casa ed per questo è che avvenuta la tragedia.

Vittime di esalazioni di monossido

Non ci sarebbero dubbi infatti: gli accertamenti legali hanno stabilito che il 43enne e il 17enne sono morti a causa delle esalazioni da monossido di carbonio sprigionate dal braciere, acceso prima di dormire.

A dare l’allarme sarebbe stata la moglie dell’uomo, che non riusciva a mettersi in contatto con loro telefonicamente. È quindi andata in via Ticino e, riferisce MilanoToday, è stata lei a trovare i corpi senza vita dei familiari.

Inutile l’intervento del 118 e dei vigili del fuoco, per i due non c’è stato nulla da fare.

Un caso simile a Milano: salvi mamma e figli

Quello avvenuto in via Ticino non si tratta dell’unico caso di esalazioni da monossido di carbonio a Rho in questi giorni. I media locali riferiscono infatti di una mamma e due bambini che hanno rischiato lo stesso tragico destino.

La famiglia, che abita in via Grigna nel comune alle porte di Milano, mercoledì 14 dicembre è stata fortunatamente tratta in salvo e non sarebbe in pericolo di vita dopo aver esalato il gas.

Non è andata altrettanto bene invece ad un 24enne di Segrate, morto a inizio novembre in circostanze simili.

rho-monossido-carbonio Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,