,,

Regionali Emilia-Romagna, Vito Crimi e l'obiettivo del M5s

Vito Crimi ha rilasciato alcune dichiarazioni a margine del comizio conclusivo della campagna elettorale in Emilia-Romagna

Vito Crimi, reggente temporaneo del M5s dopo le dimissioni di Luigi Di Maio, ha rilasciato alcune dichiarazioni a margine del comizio conclusivo della campagna elettorale in vista delle Regionali in Emilia-Romagna. Secondo quanto riporta l’Ansa, in merito alle ultime settimane, Vito Crimi ha detto: “I toni sono stati forse da pagliacciata da parte di qualcuno. Ognuno deve guardare anche al proprio modo di fare campagna elettorale”.

Poi, parlando del candidato M5s, ha aggiunto: “Io credo che Simone Benini abbia fatto una campagna elettorale veramente corretta, all’insegna dei temi, e della volontà di cambiare questa regione in meglio. E credo che sia il momento di dare un’opportunità nelle varie regioni anche al Movimento 5 Stelle di poter dire e dare il proprio contributo per migliorare l’ambiente che c’è intorno”.

Crimi ha sottolineato: “Vediamo in Simone Benini un bel candidato, una persona che ha fatto la gavetta, è stato consigliere comunale, ha lavorato sul territorio, conosce la realtà locale. Il Movimento 5 Stelle ha dimostrato che ovunque vada, in qualunque elezione, in qualunque contesto si trovi, porta qualcosa di nuovo, qualcosa di innovativo. Lo abbiamo fatto in Parlamento, lo facciamo nelle regioni in cui siamo stati: ci auguriamo che il M5S possa continuare anche in Emilia-Romagna ad essere un pungolo e un elemento di innovazione”.

Sulla linea politica del M5s, Crimi ha precisato: “Noi eravamo post ideologici, siamo e restiamo post ideologici. Gli altri si stanno collocando dietro ai nostri temi. Tante cose sono state approvate grazie alla nostra tenacia alla nostra caparbietà: noi vogliamo lavorare su progetti, non sulle persone e sulle aree”.

“Adesso l’obiettivo è ridurre le tasse – ha concluso – e quando ci mettiamo in testa un obiettivo ce la facciamo”.

L’ipotesi donna leader del M5s

Intanto, si fa strada l’ipotesi di una donna a capo del Movimento: i nomi più chiacchierati sono quelli di Paola Taverna e Chiara Appendino.

Chiara Appendino, sindaca di Torino, si è così espressa sul suo eventuale incarico come leader M5s: “Non ho novità, il tema non sono le persone, ma cosa vuole fare il movimento. E questo si deciderà negli Stati generali che non si sa ancora dove si svolgeranno, a Torino, a Napoli o Assisi. Io mi occupo di Torino”.

Paola Taverna, vicepresidente del Senato, ha scritto su Facebook: “Se sollevi un problema senza avere la soluzione, diventi parte del problema! Questa la frase che mi accompagna in questi giorni ed è questa la direzione che vorrei prendessimo tutti. Ora è il tempo delle soluzioni! Il cambiamento è nel nostro dna. Siamo nati per cambiare il Paese e abbiamo fatto e faremo un lavoro incredibile. Siamo in grado di fare qualunque cosa, ed abbiamo bisogno di essere più forti per incidere maggiormente”.

VirgilioNotizie | 24-01-2020 21:36

Luigi Di Maio si è dimesso da capo politico M5s: le reazioni Fonte foto: ANSA
Luigi Di Maio si è dimesso da capo politico M5s: le reazioni
,,,,,,,