,,

Maxi sconto all'architetto di Putin: Lanfranco Cirillo e l'accordo con l'Agenzia delle Entrate, quanto verserà

L'architetto di Putin, Lanfranco Cirillo, ha trovato un accordo con l'Agenzia delle Entrate: sconto su 50 milioni di debiti. Ora il processo

Pubblicato il:

In attesa del processo, rinviato al 4 aprile, per Lanfranco Cirillo è stato previsto un maxi sconto sulla pena pecuniaria. Il cosiddetto architetto di Putin potrà risparmiare milioni di euro grazie all’accordo trovato con l’Agenzia delle Entrate. Cirillo è stato accusato di frode fiscale, riciclaggio, esterovestizione e contrabbando. Durante le indagini sono stati sequestrati beni immobili e contanti, per un valore di 141 milioni di euro. L’accordo raggiunto con la parte lesa, lo Stato italiano, permetterà a Cirillo si dimezzare la cifra contestata: 50 milioni di euro di debiti fiscali, che diventano circa 25.

Le indagini sull’architetto di Putin

Lanfranco Cirillo, 64 anni, è stato accusato di frode fiscale, riciclaggio, esterovestizione e contrabbando. Il processo è rimandato al 4 aprile 2024 e reati contestati sono sul fronte dei “presunti”.

L’indagine su di lui è iniziata nel 2021. Fino a oggi sono state registrate 63.000 intercettazioni, rogatori in cinque Paesi, un ordine di arresto italiano, europeo e anche dell’Interpol (questo perché aveva dichiarato di non voler rientrare in Italia). Come aveva dichiarato Lanfranco Cirillo, il processo non poteva che essere rimandato considerando la sua doppia cittadinanza, ovvero quella di due paesi al momento non in buoni rapporti.

Lanfranco Cirillo sequestroFonte foto: ANSA
 Un’immagine relativa al maxi sequestro da 141 milioni di euro tra beni mobili e immobili eseguito dalla Guardia di Finanza di Brescia nei confronti di Lanfranco Cirillo, conosciuto come l’architetto di Vladimir Putin, e di altri 44 oligarchi

I sequestri

Durante le indagini sono stati sequestrati beni mobili e immobili per un valore di oltre 141 milioni di euro. Tra questi anche contanti. Altri beni sequestrati sono stati diverse abitazioni di lusso, ma anche opere d’arte di grandi artisti come Picasso e Cézanne.

Cirillo, l’architetto di Putin e non solo come lui stesso si è definito (ovvero l’architetto di riferimento dell’oligarchia russa), possedeva anche un elicottero. Oltre ai beni sequestrati, la procura contesta almeno 50 milioni di euro di debiti fiscali.

La versione di Lanfranco Cirillo

Prima del processo del 5 dicembre, Lanfranco Cirillo aveva dichiarato che nei suoi confronti erano state mosse delle misure fantasiose. Questo perché nel suo caso si trattava soltanto di presunto reato fiscale. Cirillo spiega, nella sua versione, che non ha mai ricevuto un interrogatorio di garanzia.

“Di fatto sono stato privato della mia libertà e della mia reputazione per una contestazione che avrebbe potuto essere affrontata e risolta a livello di Agenzia delle Entrate, non certo con clamore e dispiegamento di forze del tutto spropositate”, ha raccontato. È proprio con l’Agenzia delle Entrate che l’architetto di Putin ha trovato un accordo: uno sconto da milioni di euro sulla pena pecuniaria prevista per debiti fiscali.

architetto-di-putin Fonte foto: ANSA

Energia: aiuti di Stato per le aziende

,,,,,,,,