,,

Foggia, nuovo attentato: bomba distrugge negozio, le indagini

Ennesimo attentato dinamitardo nella città pugliese, ieri c'era stata una manifestazione contro le mafie

A poche ore della massiccia adesione al corteo di Libera che ieri sera a Foggia ha portato migliaia di persone in piazza contro le mafie, un nuovo attentato dinamitardo ha scosso la provincia. Secondo quanto riportato da Ansa degli sconosciuti hanno fatto esplodere una bomba all’alba davanti al negozio di biancheria intima che si trova in corso Aldo Moro ad Orta Nova, a pochi chilometri dal capoluogo dauno.

La deflagrazione ha provocato molti danni all’attività commerciale: divelta saracinesca, distrutta l’insegna, in frantumi le vetrine e parte degli arredi interni. Sul posto hanno operato i vigili del fuoco e i carabinieri che in mattinata acquisiranno i filmati delle telecamere di sicurezza.

Secondo quanto emerso la titolare del negozio è Marianna Borea, 38enne sorella del presidente del Consiglio comunale di Orta Nova, Paolo Borea, al quale è stata incendiata l’auto il mese scorso.

Ai carabinieri la titolare del negozio ha detto di non avere mai ricevuto richieste estorsive o minacce. “Ho paura per tutti: oggi è successo a me, domani può capitare a chiunque. Abbiamo paura un po’ tutti. Penso che questa cosa abbia scosso tutto il paese” ha affermato la donna.

“Stanotte hanno fatto esplodere il negozio ma riapriremo il prima possibile”, assicura la donna sottolineando che “abbiamo avuto questa intimidazione e ora ci dobbiamo mettere all’opera per riprenderci. Non so se i due episodi siano collegati, se lo sapessi non staremmo a questo punto”.

Secondo quanto accertato finora, per realizzare l’ordigno piazzato davanti al negozio, è stato usato lo stesso esplosivo per gli assalti ai bancomat con la cosiddetta tecnica della marmotta.

L’attacco arriva a poco meno di una settimana dal ritrovamento di armi, munizioni da guerra e ordigni esplosivi nella città pugliese.

VIRGILIO NOTIZIE | 11-01-2020 12:04

foggia-1 Fonte foto: Ansa
,,,,,,,