,,

Dazn, è caos tra gli abbonati per l'aumento dei prezzi. Partono gli esposti, il caso finisce in Parlamento

L'aumento dei prezzi di Dazn scatena la rivolta degli utenti: il Codacons annuncia un esposto a Antitrust e Agcom, il caso arriva anche in Parlamento

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Con una mail ai propri abbonati, Dazn stamattina ha comunicato un aumento inaspettato e consistente del costo dell’abbonamento mensile necessario per seguire la Serie A. Nuove tariffe e una nuova policy per quanto riguarda gli accessi multipli che entreranno in vigore con l’inizio della stagione 2022-23. Aumenti che hanno scatenato una vera rivolta tra gli utenti, con il Codacons che ha già annunciato un esposto all’Antitrust sulla vicenda. Ma non solo: il caso arriva anche in Parlamento.

Dazn, aumento dei prezzi per la prossima stagione

Dazn, la piattaforma che trasmette 7 partite in esclusiva di ogni giornata della Serie A, ha presentato quest’oggi le nuove tariffe per la prossima stagione del campionato di calcio.

L’abbonamento standard passa da 19,99 euro al mese a 29,99 euro, con un rincaro del +50%. Modifiche anche alle regole che disciplinano gli accessi multipli: dal prossimo anno per vedere la partite su due dispositivi diversi che non si trovano sulla stessa rete domestica si dovranno sborsare 39,99 euro al mese.

Gli aumenti hanno scatenato la rivolta degli utenti, in tanti in queste ore hanno diffuso sui social gli screenshot delle proprie disdette alla piattaforma che lo scorso anno aveva strappato i diritti tv per la serie A a Sky.

Dazn, aumento dei prezzi: si mobilita il Codacons

Sul piede di guerra il Codacons: l’associazione dei consumatori ha annunciato in una nota che presenterà un esposto all’Antitrust e all’Agcom sull’aumento dei prezzi deciso da Dazn affinché si chiarisca “se gli aumenti stabiliti dalla piattaforma sono legittimi”.

“Si tratta di rincari abnormi – spiega il Codacons – che danneggeranno in particolare i tifosi e di uno squilibrio evidente nel mondo del calcio, con Dazn che da un lato si aggiudica i diritti per la trasmissione delle partite di serie A, dall’altro sceglie in totale autonomia come modificare le offerte commerciali, applicando aumenti esagerati che peseranno come un macigno sulle tasche degli utenti”.

Dazn, è caos tra gli abbonati per l'aumento dei prezzi. Partono gli esposti, il caso finisce in Parlamento

“Considerati tutti i disservizi registrati sulla piattaforma Dazn e le tante proteste dei tifosi, le tariffe sarebbero dovute diminuire” e non aumentare, ha dichiarato all’Adnkronos il presidente del Codacons Carlo Rienzi.

“Vogliamo capire – ha detto – se i rincari siano giustificati e legittimi, se gli abbonati abbiano ricevuto le corrette informazioni circa il diritto di recesso e vi siano state violazioni dei diritti dei consumatori sanzionabili dall’autorità”.

Nuove tariffe Dazn, il caso sbarca in Parlamento

Sull’aumento dei prezzi di Dazn si muove anche la politica. Daniele Belotti, capogruppo della Lega alla Camera e membro della Commissione parlamentari Istruzione, cultura sport, ha annunciato un’interrogazione parlamentare sulla vicenda e la richiesta di un’audizione urgente nelle commissioni parlamentari competenti.

“Non siamo disposti ad accettare gli scandalosi aumenti del canone imposti da Dazn agli utenti per la prossima stagione di calcio”, ha affermato Belotti in una nota.

“Se sarà confermata la decisione di Dazn di impedire l’utilizzo contemporaneo di due device – ha concluso il deputato – siamo pronti a presentare immediatamente anche un esposto all’Agcom e all’Antitrust al fine di tutelare gli abbonati ingannati da condizioni contrattuali che dovevano essere pluriennali”.

Dazn Fonte foto: ANSA
,,,,,,,