,,

Coronavirus, quando finirà la pandemia: i calcoli di Bill Gates

Quanto tempo ci vorrà per l'arrivo dei vaccini e la fine della pandemia da coronavirus: le parole di Bill Gates

Bill Gates, fondatore di Microsoft e presidente della Gates Foundation, ha criticato la risposta americana all’emergenza coronavirus definendola “disastrosa” ma si è detto ottimista sui vaccini in arrivo. Poi la previsione sulla fine della pandemia: “I decessi finiranno nel 2022” e ci vorranno “fra 2 e 3 anni per sanare i danni fatti al sistema globale della salute”.

Durante la presentazione del “Goalkeepers report” alla vigilia dell’Assemblea Generale dell’Onu, Gates ha parlato con “La Stampa” si è detto “pessimista su come l’autunno sarà nell’emisfero settentrionale” sul fronte coronavirus. “Se non avremo interventi il numero dei morti, inclusi gli Usa, tornerà ai livelli della primavera“.

La buona notizia, però, “è che abbiamo diversi vaccini i cui dati iniziali sono promettenti, e potrebbero ricevere l’autorizzazione all’uso di emergenza dalla Fda o dalla Mhra entro la fine dell’anno, certamente all’inizio del prossimo. Mi aspetto che due o tre l’avranno”.

“L’accesso farà una grande differenza – ha dichiarato Gates -. Secondo gli scenari studiati dalla Northeastern University, se i primi due miliardi di dosi andranno solo ai paesi ricchi, invece di essere distribuiti su base globale agli operatori sanitari e agli anziani, avremo il doppio dei morti”.

Bill Gates ha poi spiegato che avremo più morti “dirette nei paesi ricchi, indirette in quelli poveri. Nel 2022 finiranno i decessi, ma serviranno fra 2 e 3 anni per sanare i danni fatti al sistema globale della salute. Per quelli economici, invece, i paesi poveri che non possiedono la capacità di aumentare il debito avranno bisogno di un decennio, per tornare ai livelli pre crisi“.

A una domanda sui problemi riscontrati nei paesi come Regno Unito e Italia, Gates ha preferito parlare degli Usa, “che conosco bene”, ha detto. “Tutti – ha spiegato – si aspettavano che noi avremmo dato la risposta migliore, perché nel sistema sanitario mettiamo più soldi di chiunque altro”.

“Per quanto riguarda poi quello che abbiamo fatto negli Usa – ha ammesso -, la situazione dei tamponi è ancora un disastro completo. I CDC hanno preparato esami diagnostici che non funzionavano, bloccando gli altri”.

“Poi – ha concluso Gates -c’è stata confusione anche con i clinical trial delle terapie. Il plasma ad esempio era incoraggiante, ma ora nessuno sa quanto sia davvero benefico. Siano sorpresi da quanto male siano andate le cose. Quando questa sarà finta, gli Usa dovranno fare un esame molto approfondito, per capire come prepararsi alla prossima pandemia”.

VIRGILIO NOTIZIE | 15-09-2020 08:52

Forbes: paperoni più ricchi con il covid. Chi è il primo italiano Fonte foto: Ansa
Forbes: paperoni più ricchi con il covid. Chi è il primo italiano
,,,,,,,